Contenuto riservato agli abbonati

Reggio Emilia, raccolti 75mila euro di farmaci in tre giorni

La meravigliosa risposta della città che ha partecipato in massa all'iniziativa di Farmacie Comunali Riunite. Mobilitati anche centinaia di volontari

REGGIO EMILIA. L’Ucraina chiama, Reggio risponde. In soli tre giorni, dal 4 al 6 marzo, nelle 28 farmacie di Farmacie Comunali Riunite sono stati raccolti circa 10.000 pezzi tra farmaci e prodotti per l’igiene e la cura della persona, oltre che per la medicazione, per un valore totale di oltre 50mila euro.

Materiale che è stato acquistato dai reggiani e poi immediatamente donato, lasciandolo nelle mani dei volontari che hanno provveduto a suddividerlo e confezionarlo in centinaia di scatoloni che sono stati poi riuniti nel magazzino centrale di Farmacie Comunali Riunite. Si tratta di quindici bancali pronti per essere caricati nei prossimi giorni sul tir che giungerà in Ucraina, come concordato dal Comune di Reggio con il consolato ucraino in Italia.


Alla donazione dei reggiani si aggiunge l’ulteriore donazione di 5mila euro che l’Azienda speciale Farmacie Comunali Riunite ha deciso di effettuare, facendosi carico della fornitura di tutti quei farmaci che non potevano essere raccolti a banco, necessitando di prescrizione medica. Attraverso la collaborazione con alcuni medici dell’Ausl reggiana, così, da Reggio partiranno anche i farmaci con ricetta segnalati e richiesti dal consolato ucraino: antibiotici, antistaminici, antidolorifici, antidiarroici, antiepilettici e altri farmaci da prescrizione.

Incredibile anche la mobilitazione dei volontari: più di 180 persone che, dividendosi in turni sui tre giorni e nelle dieci principali farmacie cittadine aderenti a Farmacie Comunali Riunite, con la loro presenza hanno informato e sensibilizzato i reggiani, contribuendo senza dubbio all’ottima riuscita della raccolta.

«Partendo dalle adesioni delle partecipate del Comune – commenta Andrea Capelli, presidente di Farmacie Comunali Riunite – questi volontari li vogliamo quindi ringraziare tutti: numerosissimi sono stati i genitori e gli insegnanti dell’Istituzione scuole e nidi d’infanzia, Reggio Children srl e Fondazione Reggio Children, oltre ai volontari della Fondazione E35 e della Fondazione Mondinsieme, cui si sono subito aggiunti altri gruppi e associazioni. Teniamo particolarmente a ringraziarle e nominarle tutte: le donne e i giovani dell’Associazione dei volontari ucraini in Italia; i ragazzi del gruppo di Reggio Emilia di Amnesty International Italia; il Consorzio Oscar Romero con le cooperative Coress e Ovile con i volontari del progetto di inclusione socio-occupazionale “Strade”, e i dirigenti e calciatori della Associazione Calcio Reggiana 1919; gli scout della sezione Cngei di Reggio; i ragazzi dell’Associazione giovani in Europa; l’associazione nazionale Arma dei Carabinieri di Rubiera; oltre ad alcuni liberi cittadini che volontariamente si sono offerti di passare qualche ora in farmacia per la buona riuscita della raccolta. Grazie infinite a ciascuno».

Alla campagna “Save Ucraina” – così è stata chiamata la raccolta organizzata lo scorso fine settimana – hanno aderito anche le farmacie comunali della rete convenzionata con Farmacie Comunali Riunite: così sono stati raccolti altri 4mila prodotti e medicinali, per un valore di oltre 20mila euro, nelle farmacie comunali di Scandiano e Ventoso, Albinea, Puianello di Quattro Castella, Cavriago, Sant’Ilario, Asta di Villa Minozzo, Collagna e Ligonchio di Ventasso, Soliera e Campogalliano. «Ringraziamo anche quindi i farmacisti e i cittadini di questi comuni – aggiunge Capelli – e i volontari delle associazioni locali che si sono mobilitate, tra cui l’Auser di Cavriago e l’associazione Noi con Voi, l’Avis di Sant’Ilario e l’associazione Azione Solidale, la pro loco Puianello Insieme, la Croce Verde di Villa Minozzo».

La raccolta non è finita. D’ora in poi i farmaci acquistati possono essere consegnati direttamente nei centri di raccolta allestiti dalle varie associazioni e onlus, tra cui il magazzino dell’Associazione volontari ucraini in Italia che ha sede in via Turri 69 a Reggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA