Guastalla, quasi 13 milioni per il rafforzamento dell’assistenza sanitaria della Bassa

Circa 7,5 milioni per realizzare Casa e Ospedale di comunità  e 5,2 milioni per il miglioramento sismico dell’ospedale civile

GUASTALLA. Anche a Guastalla arriveranno i fondi del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza). Alla cittadina della Bassa reggiana sono infatti stati assegnati quasi 13 milioni di euro da destinare a progetti di rafforzamento dell’assistenza sanitaria.

In particolare, circa 7,5 milioni di euro saranno utilizzati per la realizzazione della Casa di comunità e dell’Ospedale di comunità all’interno del complesso dell’ex casa di riposo “Paralupi Fiorani”, e 5,2 milioni di euro per il miglioramento sismico dell’ospedale civile di Guastalla.


Tre importanti interventi che avranno un forte impatto non solo su Guastalla, ma sull’intero territorio della Bassa reggiana.

PARALUPI FIORANI

Il complesso “Paralupi-Fiorani”, che in passato ha svolto la funzione di casa di riposo ed è stato dismesso nel 2011, si trova in largo Gramsci 3, in pieno centro cittadino. È di proprietà dell’Asp (Azienda servizi alla persona) “Progetto Persona”, della quale il Comune di Guastalla è socio fondatore assieme ai Comuni di Gualtieri e di Luzzara. Alla Asp “Progetto Persona” sono stati conferiti i beni dell’ex Ipab (Istituto pubblico di assistenza e beneficenza).

«La preoccupazione dell’amministrazione comunale su questo bene – spiega Camilla Verona, sindaco di Guastalla e presidente dell’Unione Bassa reggiana – è stata sempre molto alta poiché la proprietà è frutto di un lascito a favore dei cittadini e la struttura si trova in una posizione strategica all’ingresso del centro storico. Già oltre un anno fa – prosegue – ho promosso un tavolo di confronto tra Asp, i medici di Medicina generale e i pediatri di libera scelta di Guastalla e l’Azienda Usl finalizzato ad un intervento di riqualificazione dell’edificio, intravvedendo la capacità di accogliere dottori e specialisti in un luogo adeguato e funzionale. Successivamente, tramite il consigliere Andrea Costa, sono state intraprese interlocuzioni costanti con la Regione Emilia Romagna per reperire le risorse».

Nel corso dei mesi passati sono stati fatti diversi sopralluoghi all’interno della struttura con i responsabili del Servizio tecnico dell’Azienda Usl di Reggio Emilia, che ha predisposto un progetto di massima per rispondere alle diverse esigenze sanitarie.

«Poi – continua Camilla Verona – con il decreto del ministero dell’Economia e Finanze del 6 agosto 2021 recante l’assegnazione delle risorse finanziarie per l’attuazione del Pnrr e lo stanziamento dei fondi per gli interventi relativi alla Missione 6 Salute, ovvero i contributi per il rafforzamento della rete sanitaria, abbiamo dato ulteriore slancio alla nostra operazione».

L’amministrazione comunale di Guastalla riconosce in tutto questo percorso il ruolo della Regione Emilia Romagna, che ha coordinato i territori raccogliendo dalle Ctss (Conferenze territoriali socio-sanitarie) le necessità di investimenti in ambito sanitario, e che garantirà il regolare svolgimento del percorso di realizzazione di questi stessi investimenti. Soprattutto, l’amministrazione comunale sottolinea il ruolo fondamentale del consigliere regionale Andrea Costa, che ha prestato molta attenzione alle richieste di intervento, in particolare sul’ospedale di Guastalla, e già durante la campagna elettorale si era impegnato personalmente a risolvere il tema dell’antisismica.

L’AREA NORD

«L’investimento di Guastalla sull’ex Paralupi Fiorani – afferma Andrea Costa, consigliere regionale Pd – ha una valenza sovradistrettuale e rientra in una pianificazione sui presidi ospedalieri e di ambito sanitario di grande rilevanza. Gli interventi programmati, infatti, garantiranno la continuità e il potenziamento dei servizi per tutto il territorio a Nord della provincia».



© RIPRODUZIONE RISERVATA