Contenuto riservato agli abbonati

Sant'Ilario, negozi nel mirino dei ladri in azione passando dal vasistas

L’obiettivo soprattutto il denaro rimasto nel fondo cassa, colpi anche a Calerno Nel mirino di notte pizzeria, fioreria, profumeria e il salone della parrucchiera

SANT’ILARIO. Raffica di furti nella notte tra mercoledì e ieri tra Calerno e Sant’Ilario. Dopo la mezzanotte, le telecamere di sorveglianza hanno ripreso due persone in azione alla pizzeria “Voglia di pizza” in via Pampolini di Calerno. Una volta spaccata la serranda, uno dei due si è intrufolato nel locale passando dalla finestra sopra alla porta, mentre l’altro ha fatto da palo. Il ladro, con cappuccio e mascherina, ha messo le mani nel fondo cassa lasciando solo i centesimi e alcune banconote di moneta straniera. Nella stessa notte è stata presa di mira anche “L’altra oasi”, il negozio di fiori che si trova in via Prampolini a poca distanza dalla pizzeria, dove a essere svuotato è stato anche in questo caso il fondo cassa. Quindi, i ladri si sono spostati a Sant’Ilario dove è toccato alla profumeria centrale dove oltre agli spiccioli hanno portato via anche della merce. Alla parrucchiera accanto hanno rubato cosmetici e attrezzature. Ma non è finita qui, perchè i ladri hanno colpito anche al bar pasticceria “Chantilly”, verso le 3.30. Qui a lanciare l’allarme è stato il titolare del locale di via Papa Giovanni quando ha notato la finestra vasistas rotta. I malviventi sono riusciti passando da lì ad introdursi nel locale e a mettere le mani anche in questo caso sui soldi presenti nel fondo cassa. Nella stessa notte si è registrato anche il furto ai danni di un residente di un’auto: si può ipotizzare che sia servita per mettere a segno i colpi. È stata trovata sventrata a Gattatico.

Cresce la rabbia dei commercianti della zona. Nei giorni scorsi era toccato anche alla profumeria di Calerno. Anche qui i ladri avevano portato via merce costosa, decine di scatole di profumi. Dopo le denunce, i carabinieri di Sant’Ilario hanno avviato le indagini.




© RIPRODUZIONE RISERVATA