Contenuto riservato agli abbonati

Guastalla, sei alloggi popolari nell’ex asilo “Pollicino” grazie alle risorse del Pnrr

L’edificio è inagibile in seguito al terremoto del 2012. Il servizio è da tempo trasferito alla scuola Iride. L’assessore: «Un grande opportunità»

GUASTALLA. L’ex asilo nido “Pollicino”, oggi in completo stato di abbandono, verrà trasformato in alloggi popolari. La struttura rientra tra gli edifici pubblici comunali che sono stati danneggiati dal terremoto del maggio del 2012. Il fabbricato all’epoca del sisma ospitava uno dei nidi di infanzia comunali e a oggi risulta ancora inagibile. A novembre 2012 furono predisposti i progetti di miglioramento sismico finalizzati ad ottenere il raggiungimento del 60% della sicurezza richiesta. Tuttavia, a seguito della decisione dell’ex giunta Benaglia di costruire l’asilo “Iride” progettato dall’archistar Mario Cucinella il fabbricato è stato abbandonato.

«Oggi, vista l’opportunità dei finanziamenti Pnrr è stato deciso di intervenire sul fabbricato destinandolo ad alloggi di edilizia residenziale pubblica, ottenendo così un immobile performante dal punto di vista strutturale, energetico e funzionale – spiega il vicesindaco e assessore al Welfare, Matteo Artoni –. L’intervento prevede la realizzazione di circa 6 alloggi che vanno dai 60 ai 120 metri quadrati, con annesse singole aree verdi, oltre alla possibilità di restituire ai cittadini uno spazio verde attrezzato all’interno del centro storico. Non verranno effettuati lavori di ampliamento, ma sarà recuperata la volumetria esistente. L’amministrazione comunale di Guastalla ritiene sia un’importante opportunità di recupero del proprio patrimonio immobiliare, con la peculiarità di realizzare nuovi alloggi per ampliare la propria attuale offerta Erp».


© RIPRODUZIONE RISERVATA