Contenuto riservato agli abbonati

Gattatico, lavori al cavalcavia a Praticello: code e disagi sulla sp 38

I tecnici comunali hanno constato la dilatazione dei giunti. La Provincia è intervenuta anche modificando la viabilità

GATTATICO. Lunghe code e traffico in questi giorni lungo la provinciale 38 all’altezza del cavalcavia all’A1. Nei giorni scorsi l’ufficio tecnico del Comune di Gattatico, durante un sopralluogo sul cavalcavia, a Praticello, da parte di personale specializzato, ha costatato alcune dilatazione dei giunti. Partita immediatamente la segnalazione all’ufficio competente della Provincia, nel giro di pochi giorni l’ente preposto si è attivata per l’inizio dei lavori di manutenzione straordinaria, partiti il 12 gennaio scorso, con la drastica modifica della viabilità.

Inevitabili i disagi per una strada, la provinciale 38, di solito molto trafficata perché unisce tre paesi, Sant’Ilario e Gattatico, in Val d’Enza, con Sorbolo (in provincia di Parma) e due province.


«Sono in corso lavori di manutenzione straordinaria per la sostituzione dei giunti dilatati lungo il cavalcavia sulla strada provinciale 38, nei pressi dell’abitato di Praticello – è la nota diffusa nei giorni precedenti dallo stesso ufficio tecnico comunale per avvisare la cittadinanza delle modifiche alla viabilità.–. È stato necessario istituire il senso unico alternato e il limite di velocità a 30 chilometri orari».

La Provincia ha emesso un’ordinanza specifica: «La strada provinciale 38, all’altezza del Comune di Gattatico, sarà regolata a senso unico alternato da impianto semaforico (con limite di velocità 30 km/h) dal 12 gennaio fino al termine dei lavori».

Il traffico, ancora in questi giorni, è regolamentato a senso unico alternato, con l’apposizione della segnaletica specifica a cura della ditta Stradedil, esecutrice dei lavori. E continuano a non mancare i disagi, con lunghe colonne di auto e mezzi in fila a causa del semaforo che regola il passaggio.

Le difficoltà maggiori sono per i lavoratori pendolari, imprigionati in lunghe code e rallentamenti specialmente negli orari di punta, la mattina presto e nell’orario di rientro dal lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA