La banda dell’Audi torna a colpire Furto in nove minuti, via tutto l’oro

montecchio. Ladri in azione in Val d’Enza. L’ultimo colpo segnalato è avvenuto verso le 19 di sabato, in via Strada Sant’Ilario a Montecchio, ai danni di un’abitazione. «Erano in quattro, due sono rimasti in macchina e altri due sono entrati scavalcando il cancello della vicina. Si tratta di una macchina Audi nera station vagon o un A6, dopo che ha scaricato i malviventi è andata via dal parcheggio. Dopo 8 minuti è uscito il primo ladro dalla casa. Nell’immediato è ritornata la macchina per riprenderli e dopo un minuto è uscito di casa anche l’altro ladro per scappare. Il furto è avvenuto in 9 minuti, tempo necessario per devastare una casa intera».

A raccontarlo è l’associazione “Montecchio Sicura” su segnalazione della vicina di casa. Una volta tornati i proprietari hanno trovato una casa messa a soqquadro, da dove sono stati portati via solo gli oggetti in oro.


Un furto fotocopia, con in azione la stessa Audi nera, viene segnalato a Gattatico la settimana scorsa. La vettura sospetta è stata segnalata più volte in località Quercioli a Cavriago, in via XXIV Maggio a Barco di Bibbiano e a Sant’Ilario.

L’allarme correi sui social, dove i residenti mettono in guardia. Come a Barco: «Attenzione malviventi sono entrati in azione venerdì pomeriggio, hanno forzato la finestra della cucina per poi dirigersi subito alle stanze da letto alla ricerca di oro e contanti. I proprietari erano in casa e sentendo dei rumori sospetti al piano di sotto si sono affacciati non trovando nessuno. Solo alcuni minuti dopo si sono resi conto della finestra danneggiata. Il colpo fortunatamente è saltato, probabilmente perché i malviventi si sono accorti che c’erano i proprietari in casa». In un appartamento di via Girondola di Cavriago sono stati arraffati preziosi di modico valore: si tratta di un appartamento al terzo piano di una palazzina. Anche qui con un bottino magro.

La raccomandazione è sempre quella di segnalare in tempo reale la presenza di persone o movimenti sospetti ai carabinieri.

Da.Al.

© RIPRODUZIONE RISERVATA