Monica e Stefano riportano in centro la vendita di riviste e quotidiani

Dopo la chiusura dell’edicola il paese aveva perso il servizio rimasto solo ai supermercati. Nella loro tabaccheria ora si possono di nuovo comprare

REGGIOLO. Grazie a Monica Marozzi e Stefano Corradini, titolari della tabaccheria del centro, a Reggiolo è tornata operativa l’edicola per la vendita di giornali e riviste. Sono stati questi due giovani a raccogliere la sfida lasciata da Cristian Roversi che gestiva la struttura situata nel centro della rinnovata piazza Martiri. Era l’unica edicola presente in paese, ma il gestore l’ha chiusa per cessata attività.

A detta dello stesso gestore, era una chiusura annunciata che però non aveva una data precisa. Tutto era avvenuto nello spazio di pochi giorni. Una chiusura che aveva sorpreso il sindaco Roberto Angeli e aveva spiazzato baristi, ristoratori, cittadini che come unica alternativa per l’acquisto di quotidiani e riviste si sono dovuti recare al supermercato Conad e alla Coop Alleanza 3.0. Addirittura qualcuno era andato ad acquistare i giornali nella vicina Gonzaga. Il paese rischiava di non avere un punto di riferimento.


Monica e Stefano, appena saputo della chiusura dell’unica rivendita di giornali, si sono subito dati da fare per ridare questo prezioso servizio all’intera comunità. Un ex edicolante, che ha gestito prima di Roversi l’edicola della piazza, si è prestato per dare consigli ai titolari della tabaccheria al fine di presentare l’opportuna documentazione. Nel giro di qualche settimana, il locale, è stato subito attrezzato per ospitare quotidiani, giornali, riviste di moda, libri e perfino giochi per i bimbi che vengono lanciati a decine dalle pubblicità delle tv digitali per i bimbi. «Sappiano che l’edicola sarà impegnativa perché dovremo svegliarci presto al mattino, ma è un sacrificio che facciamo volentieri per dare un servizio a Reggiolo. La titolare è mia moglie Monica. Gestiamo la tabaccheria dal 2008, prima eravamo sotto il portico poi ci siamo trasferito da qualche anno nel nuovo locale dove siamo ora» racconta Corradini.

Il giorno dell’apertura dell’edicola ha voluto essere presente anche il sindaco, Angeli, che si è complimentato con i due giovani per aver riavviato un servizio che mancava dall’11 novembre. Per quanto riguarda l’edicola nel centro di piazzaMartiri, verrà spostata sulla parte destra della piazza su consiglio della Sovrintendenza delle Belle arti perchè “impalla” la parte centrale del settecentesco palazzo Sartoretti, oggi sede museale, municipale e della biblioteca.

M.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA