Incidente mortale a Torrechiara, perde la vita un 18enne di Guastalla

Si chiamava Josef Venturini, da tempo viveva a Parma. Con lui viaggiavano due amici: entrambi sono ancora ricoverati in Rianimazione dove lottano per la vita. L'incidente è avvenuto ieri sera alle 19

PARMA. Aveva compiuto 18 anni da poco più di un mese. I vigili del fuoco lo hanno estratto da quello che restava dell'auto e l'hanno consegnato ai soccorritori per una corsa contro il tempo. Nonostante tutti i tentativi praticati, però, Josef Venturini è morto un paio d'ore dopo l'incidente nel reparto di Terapia intensiva dell'ospedale Maggiore di Parma.

Insieme al 18enne, nato a Guastalla ma residente a Parma, sulla Mercedes viaggiavano anche un ventenne di origini moldave e una ragazza di diciassette anni, residenti nel Parmigiano. Entrambi sono ricoverati  in Rianimazione, dove lottano per la vita. Ricoverata in pronto soccorso, con diversi traumi, nessuno dei quali preoccupante, la donna di 56 anni al volante della Ford con la quale i tre si sono scontrati.

L'incidente è avvenuto ieri sera poco prima delle 19 a Torrechiara, nel Parmigiano, all'incrocio tra strada della Badia e la Massese, poche centinaia di metri prima del castello.

Stando a una prima ricostruzione sembra che la 56enne, residente a Langhirano, alla guida di una Ford Ecosport grigia, stesse procedendo verso la collina. La Mercedes Classe A nera con i tre  ragazzi a bordo, invece, sembra stesse uscendo dallo stop a destra, dal lato del paese, per svoltare verso la città.

Sarà necessario attendere la ricostruzione dei carabinieri della stazione di Langhirano, intervenuti sul posto, per conoscere l'esatta dinamica di quanto avvenuto, ma sembra proprio che le due auto si siano scontrate al centro dell'incrocio. Un impatto violentissimo. La Mercedes, centrata nella fiancata sinistra, è stata spinta in diagonale verso sinistra per una trentina di metri nel campo che costeggia la strada; la Ford si è fermata una decina di metri a monte dell'incrocio, anch'essa sul lato sinistro, per metà sulla carreggiata e per metà fuori.

Per estrarre i tre ragazzi dalle lamiere dell'auto è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco.