Scandiano, rapina alla farmacia comunale In due scappano con l’incasso

L’assalto verso le 19.30, le farmaciste minacciate con un coccio di bottiglia I banditi avevano il volto in parte coperto dalle mascherine e dai berretti



SCANDIANO. Non solo l’emergenza dovuta alla fuga di gas che ha mobilitato un’intero paese per tutto il pomeriggio e la notte. Ieri sera Scandiano ha dovuto anche fare i conti con una rapina in farmacia, avvenuta proprio mentre, non molto lontano, volontari e forze dell’ordine era impegnate a gestire le 64 famiglie rimaste fuori di casa a causa dell’emergenza.


Erano circa le 19.30 quando due banditi hanno fatto irruzione alla farmacia comunale di via Statale.

Quando sono entrati, nulla poteva far presagire che non fossero normali clienti: sul volto la mascherina, ormai una dotazione obbligatoria per ogni azione quotidiana, e in testa un berretto, che poteva essere semplicemente a difesa del freddo. Invece, ben presto le farmaciste – che in quel momento erano sole, non risulta che fossero presenti clienti – si sono rese conto che le intenzioni erano ben altre: quella di due banditi pronti a mettere in scena una rapina. Secondo le prime informazioni, avrebbero mostrato un coccio di bottiglia. Sono bastati pochi attimi per farsi consegnare l’incasso e dileguarsi nel buio, presumibilmente lontano dal cuore di Scandiano, dove era massiccia la presenza di agenti di polizia locale e carabinieri per l’emergenza.

Una volta rimaste sole, comprensibilmente spaventate dall’accaduto, le farmaciste hanno lanciato all’allarme al 112. Sul posto, è arrivata una pattuglia dei carabinieri della tenenza di Scandiano.

Le indagini hanno immediatamente preso il via delle sommarie descrizioni fornite dalle vittime dei due banditi. Altri dettagli forse potranno arrivare dalle telecamere, che potrebbero aver ripreso qualche particolare utile. Certo è che il buio ha sicuramente favorito la fuga dei banditi.

Nel marzo del 2021, la stessa farmacia era stata presa di mira.

L’assalto era avvenuto all’orario di chiusura e nel mirino era finita anche la farmacia di Ventoso. I presunti responsabili però erano stati identificati circa un mese dopo, come due ragazzi di giovane età.

© RIPRODUZIONE RISERVATA