Edilizia residenziale pubblica , interventi da 8,2 milioni a Ospizio e Codemondo

Le risorse assegnate al Comune tramite il bando “Sicuro, verde e sociale”. Dalla ristrutturazione di 48 appartamenti alla realizzazione di 4 nuovi alloggi 

REGGIO EMILIA. Ammontano a 8,2 milioni di euro le risorse erogate per l’Edilizia residenziale pubblica (Ers) tramite il bando “Sicuro, verde e sociale. Riqualificazione dell’edilizia residenziale pubblica”, promosso dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito dei finanziamenti complementari del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), ed assegnate al Comune di Reggio Emilia.

I fondi serviranno a realizzare, in collaborazione con Acer, una serie di interventi di ristrutturazione, efficientamento energetico (cappotto, impianti termici) e miglioramento sismico di 48 appartamenti in via Doberdò e 4 nuovi alloggi a Codemondo.


Palazzine

In particolare, consiste in 7.042.222 euro la somma complessiva destinata ai 48 appartamenti di via Doberdò, dal civico 2 al 24, disposti in palazzine da 4 alloggi ciascuna e già abitate.

In questo caso, i lavori riguarderanno la ristrutturazione degli stabili, il loro efficientamento energetico e miglioramento sismico.

Una parte dell’importo complessivo servirà per acquistare alloggi da destinare all’Erp, che verranno utilizzati come alloggi temporanei per il trasferimento momentaneo delle famiglie, laddove interventi di riqualificazione lo richiedano.

Appartamenti

I quattro nuovi alloggi previsti a Codemondo, invece, saranno realizzati, disposti su due piani, all’interno della ex scuola elementare di via Teggi 32, di proprietà del Comune di Reggio Emilia. L’intervento, per un importo complessivo di 1.169.142 euro, include l’esecuzione di lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, miglioramento sismico e installazione di sistemi per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Oltre agli alloggi, all’interno della scuola saranno ricavati anche nuovi spazi a servizio del quartiere.

Le istituzioni

«Siamo molto soddisfatti per il riconoscimento di così importanti risorse alla nostra città, grazie al fondo complementare del Pnrr sull’edilizia residenziale pubblica – dicono all’unisono il sindaco Luca Vecchi e l’assessore alla Casa Lanfranco De Franco –. Il quartiere di via Doberdò necessita assolutamente di questo intervento importante che permetterà un significativo rinnovamento dei 48 appartamenti presenti, di cui 13 al momento vuoti. Avevamo preso l’impegno con i residenti di cercare le risorse necessarie e oggi possiamo finalmente dire di avere quello che ci serve per fare un buon lavoro. Gli interventi di riqualificazione ed efficientamento degli appartamenti, per altro, si inseriscono in una serie di azioni già realizzate o di prossima realizzazione per la rigenerazione dell’intero quartiere di Ospizio».

«Grazie ai nuovi fondi in arrivo – proseguono il sindaco Vecchi e l’assessore De Franco – sarà inoltre finanziato anche il recupero della ex scuola di Codemondo in via Teggi, che verrà trasformata in 4 alloggi e spazi comuni anche per il quartiere. Anche su questo immobile da tempo il quartiere di Codemondo richiedeva un intervento di riqualificazione. Ricordiamo che questi appartamenti andranno a famiglie, lavoratori e persone con difficoltà abitative. Grazie alla collaborazione tra Comune e Acer negli anni abbiamo riqualificato diversi quartieri popolari della città, aumentando la qualità dell’abitare e l’efficienza energetica degli edifici. Queste nuove risorse ci permettono ora di proseguire in questa importante strada, di crescente attualità in particolare negli ultimi anni».

I tempi

L’affidamento della progettazione degli interventi è previsto entro la metà del 2022, con la pubblicazione dei bandi di gara entro la fine dell’anno e l’aggiudicazione degli appalti entro inizio 2023.

Una prima parte dei lavori sarà consegnata entro la fine del 2024.

L’ultimazione completa dei due cantieri, con la certificazione del collaudo, è invece prevista entro i primi mesi del 2026.

© RIPRODUZIONE RISERVATA