Contenuto riservato agli abbonati

L’Aism piange Franca Annigoni, esempio di vita e impegno sociale

SCANDIANO. Addio a una donna forte, un riferimento prezioso per tante famiglie alle prese con una malattia crudele. La scorsa settimana è morta a 78 anni la scandianese Franca Annigoni, storica volontaria della sezione reggiana di Aism, l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla. Il funerale si è tenuto sabato scorso a Iano. Per decenni aveva accudito il marito Guglielmo Spallanzani, colpito in giovane età dalla malattia, con cui ha convissuto per 37 anni. Un esempio di tenacia e di un legame fortissimo, un impegno che poi Franca aveva continuato a garantire all’associazione fra banchetti, attività benefiche e consigli e indicazioni a chi si trovava a confrontarsi con questa realtà. Una colonna vera per Aism. «Vogliamo ricordarla con tanto affetto – dicono dall’Aism – e riconoscenza e ringraziarla per quanto ha fatto per tantissimi anni per la nostra sezione. Franca è sempre stata attiva e presente alle nostre raccolte fondi fino all’ultimo. E quando non ha più potuto essere di persona ai banchetti non si è mai dimenticata dell’Aism o anche solo di portare un caffè e un sorriso agli infreddoliti volontari che erano in piazza a Scandiano», spiegano i volontari. Quello di Franca con Aism «è stato un legame profondo nato con la diagnosi della sclerosi multipla all’amato marito Guglielmo e che è sempre continuato grazie alla sua voglia di essere utile e vicina agli altri. La ricordiamo solare e sorridente, disponibile. Lei e il marito sono stati una coppia inossidabile, allegra, che ha saputo vivere e convivere con la Sm che aveva colpito Guglielmo fin da giovane ed era legatissima ai due figli Laura e Marco e ai nipoti». Dopo la morte di Guglielmo, «avvenuta nel 2012 proprio nella sua famiglia che gli è sempre stata accanto fino alla fine, ha trovato la forza di andare avanti e al tempo stesso ha dato loro tanta forza. Ma anche negli ultimi anni Franca non si è mai ripiegata su sé stessa e ha saputo dare e ascoltare gli altri con la sua innata bontà e ha attraversato con serenità e determinazione l’ultimo tratto della sua vita. Un abbraccio da tutta la famiglia Aism ai figli e ai nipoti a cui era legatissima. Grazie Franca per la tua bontà, il tuo altruismo e la tua capacità di ascoltare gli altri».

Adr. Ar.


© RIPRODUZIONE RISERVATA