Deraglia un vagone del treno merci sulla ferrovia Suzzara-Parma

Il carico di coils era destinato alla Padana Tubi di Guastalla. La linea è rimasta bloccata fino a tardi. La paura dei residenti a Suzzara: «Sembrava il terremoto, speriamo non succeda come a Viareggio»

GUASTALLA. Un terremoto. Questa la sensazione che hanno avuto i residenti di Suzzara che hanno le loro case a ridosso della linea ferroviara Suzzara-Parma dopo il deragliamento di un vagone merci, causato, probabilmente da un cedimento strutturale. Il convoglio, con 22 vagoni, carichi di coils destinati alla Padana Tubi di Guastalla, era partito regolarmente dalla stazione di Suzzara poco prima delle 18. Dopo circa un chilometro, appena superato il passaggio a livello di via Villa Inferiore, il quarto vagone di testa è uscito dai binari. Le ruote anteriori sono finite sui traversini in cemento mente quelle posteriori sono rimaste sulle rotaie. Il macchinista, sentendo forti vibrazioni ha subito bloccato la motrice. Immediata la chiamata agli addetti della Fer che si sono messi in contatto con i tecnici del centro di Dinazzano per iniziare la procedura di recupero del vagone deragliato.

Via Villa Inferiore e via Roncoboldo sono rimaste interrotte dalla chiusura di entrambi i passaggi a livello. Per entrate o uscire da Suzzara, gli automobilisti hanno dovuto utilizzare strade alternative. La parte Sud della città è rimasta tagliata in due. Nel frattempo, il deragliamento del vagone ha allarmato i residenti che hanno le loro case a ridosso della ferrovia. «Sembrava un terremoto – ha detto una signora – Ero al telefono con mia cognata quando ho sentito tremare tutto. Ho guardato subito il lampadario della cucina per vedere se ballava a causa della scossa». Un’altra signora ha detto: «E se invece di coils d’acciaio, il treno merci fosse stato composto da vagoni cisterna pieni di gas? Speriamo non accada quello che è successo a Viareggio nel 2009». I treni passeggeri da e per Parma sono stati tutti soppressi e sostituiti da autobus di Seta. Le operazioni di recupero del vagone deragliato sono state piuttosto lunghe e laboriose. La motrice con i tre vagoni di testa ha proseguito verso Guastalla mentre i restanti 18 vagoni, sono stati trainati da un’altra motrice e riportati a Suzzara. Rilievi dei carabinieri di Suzzara.


© RIPRODUZIONE RISERVATA