Negativa in attesa di poter uscire «Rischio di rimandare la tesi»

REGGIO EMILIA. Dopo essere risultata positiva circa una settimana fa al Covid, ed essere stata inserita regolarmente nell’apposito database Ausl, ora, pur risultando vaccinata e negativa da ormai 5 giorni ai tamponi rapidi, non sa come fare per poter uscire dalla quarantena. Una situazione che a quanto emerge in questi giorni stanno vivendo molte persone, ma per alcune è più problematica. Karen Onfiani ad esempio è una studentessa universitaria di Castelnovo Monti che deve laurearsi in Igiene Dentale, con la discussione della tesi già fissata attorno alla metà di febbraio, e sta aspettando di uscire quanto prima dalla quarantena perché deve concludere le ore di stage prima di discutere la sua tesi.

«Riuscire a contattare l’Ausl risulta praticamente impossibile – spiega – e abbiamo anche interpellato le farmacie locali, che possono farci il tampone ma ci hanno confermato, anche attraverso Federfarma, che a determinare la fine della quarantena può essere solamente l’Ausl. In questa situazione ho anche altri famigliari, anche con tutte e tre le dosi di vaccino effettuate, che dovrebbero rientrare al lavoro, ma l’Ausl non ci contatta. È una situazione veramente assurda: capiamo che sia un momento con tanti positivi ma in questo modo le persone asintomatiche e non più contagiose anche secondo i tamponi non possono comunque uscire liberamente di casa, nemmeno per impegni prioritari. Io devo assolutamente concludere il tirocinio entro il 31 gennaio, lo sto facendo a Rivalta, ma visto anche il mio settore di studi è fondamentale che l’Ausl mi dia il via libera per poter tornare ad uscire e lavorare. Non so davvero come fare». A quanto emerge nel quadro attuale di norme variate e quarantene che in teoria dovrebbero essere abbreviate, l’Ausl sta cercando di attrezzarsi, ma al momento, data la fortissima crescita di positivi (spesso asintomatici in particolare se vaccinati) sono tantissimi coloro che si trovano nella situazione di poter concludere la quarantena ma devono attendere di essere contattati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA