Grazie al superbonus 110% cantieri in ottanta fabbricati

L’Azienda casa, come partner  del Comune di Reggio Emilia sarà impegnato nel piano  di rigenerazione urbana del quartiere della zona stazione

REGGIO EMILIA. In occasione della presentazione del bilancio preventivo 2022 al tavolo provinciale delle Politiche abitative – al quale partecipano i Comuni, le associazioni e i sindacati di categoria del settore e i sindacati degli inquilini –, il presidente di Acer Reggio Emilia, Marco Corradi, ha fatto il punto della situazione sulle attività dell’Azienda Casa.

Corradi ha anche presentato le principali iniziative del prossimo anno, a partire dai progetti di riqualificazione che verranno realizzati grazie agli incentivi fiscali statali per l’efficienza energetica (superbonus 110%), che permetteranno di avviare nuovi cantieri in circa ottanta fabbricati su tutto il territorio provinciale, oltre all’attuazione, come partner del Comune di Reggio, del piano di rigenerazione urbana della zona stazione (via Paradisi e via Turri), che prevede investimenti per alcune decine di milioni di euro.


«La collaborazione con i Comuni, gli inquilini e gli amministratori di condominio sarà importantissima» sottolinea il presidente Marco Corradi, in attesa di ricevere anche gli ulteriori fondi previsti dal Pnrr che, tramite la Regione Emilia Romagna, si prevede che porteranno in provincia di Reggio Emilia alcuni milioni di euro da destinare all’housing sociale.

Il 2022 si preannuncia quindi particolarmente impegnativo per l’Azienda Casa che, con una struttura snella e flessibile composta da una cinquantina di collaboratori, gestisce circa 5.200 alloggi in oltre 500 fabbricati, di cui 200 di proprietà interamente pubblica e 300 di proprietà mista pubblico/privata, e collabora, tramite convenzione, con 35 Comuni della provincia, tra cui due Unioni, una Asp, due società immobiliari e diversi proprietari privati di alloggi.

Rigenerazione urbana, efficienza energetica, ricerca di fondi e finanziamenti per i Comuni, progetti innovativi di ricerca e sperimentazioni di materiali e tecnologie, ma anche progetti sociali rivolti ai nuovi inquilini, alle famiglie, ai giovani e agli anziani per aiutare le persone a crescere nel rispetto di regole comuni e nella solidarietà di comportamenti virtuosi.

Questo è il programma di lavoro del 2022 dell’Azienda Casa di Reggio Emilia, impegnata anche a realizzare la prima Comunità energetica in un condominio misto di proprietà pubblica e privata a Scandiano, dove il risparmio per gli inquilini si otterrà non solo dall’autoproduzione e dall’autoconsumo di energie rinnovabili, ma anche dallo scambio di beni e servizi, ponendo le basi dell’economia circolare nei condomini del nostro territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA