Una donazione degli esodati alla casa di carità di San Giovanni

VIANO. In questi giorni il comitato esodati di Reggio Emilia celebra un decennio di attività in città e in provincia; attività di aiuto alle fragilità sociali e di solidarietà concreta a tante famiglie. E lo fa con una nuova donazione, questa volta alla casa della carità di San Giovanni di Querciola, nel Vianese. «Lo festeggiamo facendo quello che sappiamo fare meglio, portando scorte di beni di prima necessità nelle case di carità della nostra montagna. Siamo stati a San Giovanni di Querciola offrendo il pranzo completo della trattoria da Volfango di Casina unito ai dolci della pasticceria Boni e alle eccellenze della latteria di Migliara e della fattoria Rossi di Quattro Castella», spiegano.

Sono anche stati consegnati «capi di abbigliamento adeguati alla tipologia degli ospiti della struttura, fornitici dalla maison Brunello Cucinelli, all’interno del progetto “for humanity”». Il progetto solidale degli esodati conta sul sostegno del Conad Le Querce e del Conad di Arceto, di Stefano Landi, della trattoria da Volfango e della pasticceria Boni.


Adr.Ar.

© RIPRODUZIONE RISERVATA