Contenuto riservato agli abbonati

Addio a Mediani una vita di lavoro alla Me-Cart: aveva 58 anni

Ucciso da una malattia, era da poco andato in pensione. Entrò in azienda a 16 anni e poi divenne capo fabbrica

QUATTRO CASTELLA. Era entrato allo Scatolificio Me-Cart di Corte Tegge di Cavriago all’età di 16 anni e nel tempo, grazie alla sua voglia di fare e capacità, era diventato responsabile della produzione e capo fabbrica. Massimo Mediani era andato in pensione lo scorso agosto, dopo una vita di lavoro, e purtroppo l’ultimo giorno del 2021 si è spento, a soli 58 anni, per le conseguenze di una malattia che gli era stata diagnosticata non molto tempo fa.

«La notizia della morte di una persona è un fatto sempre doloroso. Quando si tratta di una persona cara con cui si è percorso un lungo tratto di strada assieme lo è ancora di più – dice Cristiano Melloni, presidente dell’azienda - La dipartita di Massimo, amico e collega stimato è una perdita grave per tutti, per gli amici, i colleghi di lavoro, per la famiglia, per tutti quelli che gli hanno voluto bene e anche per noi e l’azienda alla quale ha dedicato 40 anni di egregio e intenso lavoro».


Silvana Aguzzoli, ex presidente e fondatrice della società, molti anni fa, ripercorrendo la storia di successo della Me-Cart, aveva sottolineato l’importanza di avere collaboratori di qualità e aveva speso parole di grande apprezzamento per il «fedele capo fabbrica Massimo Mediani, ottimo tecnico».

Mediani ha davvero speso la sua vita nell’azienda cavriaghese, leader nel settore degli imballaggi di cartone. I suoi genitori, che erano mezzadri, lavoravano a poca distanza dalla sede dello scatolificio. «Conosciamo Massimo, da sempre, da quando, allora adolescente venne a proporsi offrendo la volontà di lavorare per noi – ricordano dalla Me-Cart -. Persona generosa e sempre disponibile che difficilmente diceva no nei momenti del bisogno. Il suo impegno, l'esperienza lavorativa legata allo sviluppo di Me-Cart, il suo essere punto di riferimento tanto per la direzione quanto per i colleghi saranno sempre ricordati da tutti noi».

Mediani viveva a Montecavolo con la moglie Antonella. Lascia il figlio Samuele e le sorelle Paola e Marisa. I funerali si svolgeranno oggi alle 11 nella chiesa di Roncolo.

J.D.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA