Telecamere e sicurezza Montecchio e Gattatico sottoscrivono il patto

L’atto propedeutico per accedere ai finanziamenti statali Ronzoni: «Così continuiamo a implementare la copertura»

VAL D’ENZA. Sono solo due i Comuni della Val d’Enza che hanno firmato il rinnovato Patto per l’attuazione della sicurezza urbana: Montecchio e Gattatico. Nei giorni scorsi, sono stati sottoscritti dal prefetto di Reggio Emilia, Iolanda Rolli e dai sindaci dei diversi comuni di Reggio e Provincia, (tra cui Montecchio e Gattatico) i Patti per l’attuazione della sicurezza urbana e l’installazione di sistemi di videosorveglianza.

Si tratta dell’atto propedeutico che consente alle amministrazioni locali di accedere all’assegnazione di risorse, sulla scorta di quanto previsto dal decreto interministeriale (Ministro dell’Interno e Ministro dell’Economia e delle Finanze) del 9 ottobre 2021.


L’iniziativa, già attivata negli anni scorsi, si riconnette al decreto-legge 20 febbraio 2017, numero 14 recante “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città”, che indica, tra gli strumenti privilegiati per la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria, l’installazione di sistemi di videosorveglianza.

Così ai due Comuni della Val d’Enza che partecipano, Montecchio e Gattatico, il rifinanziamento del bando permetterà di ripresentare i progetti per l’installazione di sistemi di videosorveglianza per controllare snodi e aree di particolare interesse.

«La genesi “tribolata” del nuovo bando nonché la coincidenza con la fine dell’anno – chiarisce il presidente dell’Unione Val d’Enza Luca Ronzoni –, non ha permesso a tutti i Comuni dell’Unione di avere il tempo per la predisposizione di tutta la documentazione necessaria per partecipare alla gara, nonostante sua eccellenza la dottoressa Rolli, che ringrazio per il suo impegno, ne avesse annunciato il rifinanziamento. Ora speriamo di rientrare nella graduatoria finanziata per completare la copertura del territorio, operazione che quest’anno abbiamo già implementato grazie al bando della Regione Emilia-Romagna».

Per la realizzazione degli impianti di videosorveglianza da parte dei diversi Comuni di Reggio e Provincia, per l’anno 2021 è stato previsto dal Ministero dell’Interno un finanziamento pari a 27 milioni di euro.

Tra le condizioni di ammissibilità delle richieste è previsto che il tracciato di progetto dell’impianto non si sovrapponga con quelli già precedentemente realizzati e che il finanziamento non sia destinato alla sostituzione di sistemi di videosorveglianza già esistenti.

I progetti per l’attuazione della sicurezza urbana e la nuova installazione di sistemi di videosorveglianza dei due Comuni della Val d’Enza, Montecchio e Gattatico, che sono riusciti a presentarli in tempo, nei prossimi giorni passeranno al vaglio del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica per la loro effettiva approvazione.

Da.Al.

© RIPRODUZIONE RISERVATA