A scuola di educazione stradale ecco tutte le classi premiate

“Edustratombola”, organizzata dalla polizia locale, ha coinvolto 900 alunni In palio quattro lavagne multimediali e buoni spesa in materiale didattico 

REGGIO EMILIA. Si è svolta ieri, in collegamento web con le scuole nel rispetto delle norme anti Covid, la premiazione della nona edizione di Edustratombola, appuntamento annuale di educazione stradale organizzato dalla polizia Locale di Reggio Emilia, in collaborazione con l’Ufficio scolastico provinciale.

A partecipare 38 classi delle scuole reggiane, 36 della città oltre alle primarie di Regnano e San Martino in Rio, collegate con la Sala Rossa del Municipio: 900 alunni impegnati nella tombolata di educazione stradale che metteva in palio quattro lavagne interattive multimediali (lim) e quattro buoni spesa in materiale didattico.


Le quattro classi che hanno raggiunto la tombola, conquistando l’ambita lavagna, sono state: la quinta A della Bartali, la terza A delle primarie di Marmirolo, la quinta A della Dante Alighieri e la quarta A della Giuseppe Verdi. La quinta e la quarta B della Marco Polo si sono aggiudicate i buoni spesa del valore di 200 euro per materiale didattico, messi in palio da Til. Infine alla quarta A della Leopardi e alla terza A della Marco Polo sono andati i buoni spesa da 100 euro messi in palio da La Contabile e dalla libreria Uver. A tutti i bimbi che hanno preso parte alla Edustratombola sarà regalato, recapitandolo direttamente in classe, il libro con la raccolta di fiabe sul tema dell’educazione stradale prodotta lo scorso anno dal comando della polizia Locale di Reggio Emilia in collaborazione con l’Ufficio scolastico territoriale e gli studenti del Blaise Pascal.

Durante la mattinata sono stati proiettati cartoni animati e videolezioni sul tema dell’educazione stradale, prodotti dalla polizia Locale di Reggio Emilia in collaborazione con le scuole superiori cittadine e alcuni Tik Tok autoprodotti dai ragazzi del Matilde di Canossa coordinati dalla professoressa Erika Colaci, sull’uso corretto dei dispositivi di protezione per arginare la diffusione del coronavirus.

Erano collegate con le scuole, il sindaco Luca Vecchi, che ha ringraziato agenti e insegnanti per l’importante e capillare lavoro educativo sulle giovani generazioni in tema di educazione civica, in particolare quella stradale; il prefetto Iolanda Rolli, che ha incoraggiato i giovani studenti a farsi ambasciatori del rispetto delle regole e il comandante delle polizia Locale Stefano Poma, che ha sottolineato l’importanza del lavoro svolto in classe dagli insegnati per «imparare giocando». Sono intervenuti inoltre Ilenia Malavasi vicepresidente della Provincia, il dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale Paolo Bernardi, il capitano del nucleo Radiomobile dei Carabinieri di Reggio Emilia Walter Crescentini, il direttore Aci Marco Franzoni e la dirigente Aci Barbara Vignali; Mauro Sorbi presidente dell’Osservatorio regionale per l’educazione stradale e il presidente della Fondazione per lo Sport Mauro Rozzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA