Ladro recidivo e truffatore, la sentenza è definitiva: finisce in cella

Un 50enne parmense che risiede in paese è stato raggiunto dai carabinieri che gli hanno notificato il provvedimento e lo hanno condotto in carcere, Deve scontare un cumulo di pena residua di 5 anni e un mese

CAVRIAGO. Un 52enne di origine parmense e residente in paese è stato arrestato dai carabinieri della stazione locale su ordine del Tribunale di Parma, dopo che le condanne a suo carico sono diventate definitive. Deve scontare in carcere un residuo di pena di oltre 5 anni.
 
Tra il 2009 e il 2017 si è reso responsabile nelle province di Parma, Ferrara, Reggio Emilia e Massa dei reati di furto aggravato, guida in stato d’ebbrezza, resistenza a pubblico ufficiale, appropriazione indebita e false dichiarazioni sulla propria identità personale venendo riconosciuto colpevole dai vari tribunali che l’hanno giudicato.  Il provvedimento restrittivo nei suoi confronti è stato emesso dall’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Parma, nel cui comprensorio è stata comminata la prima condanna.
 
I militari hanno raggiunto l’hanno e lo hanno tratto in arresto conducendolo in carcere per l’espiazione della pena. A carico del 52enne pendono le seguenti sentenze di condanna: 1 anno di reclusione e 400 euro di multa per furto aggravato commesso a Langhirano (Pr) il 24 novembre 2009; 1 anno e 8 mesi di reclusione per appropriazione indebita e simulazione di reato commessi a Porto Garibaldi (Fe) l’11 agosto 2011; 1 anno e 8 mesi di reclusione per false dichiarazioni sulla propria identità personale e guida in stato d’ebbrezza commessi a Pontremoli (Ms) il 22 ottobre 2015; 1 anno di reclusione e 400 euro di multa per concorso in furto aggravato commesso a Cavriago il 31 luglio 2017.
 
L’uomo detratto il pre-sofferto dovrà scontare un residuo pena pari ad 5 anni, 1 mese e 26 giorni di reclusione.