Casa distrutta dal Tir consegnato un assegno alla famiglia sfollata

In municipio con il sindaco. Iniziativa del Calerno calcio, che ha raccolto 1.900 euro. «Grazie di cuore a chi ha risposto al nostro appello»

SANT’ILARIO. Sabato mattina alla famiglia Criscienzo – rimasta senza casa dopo lo schianto di un tir che ha centrata l’abitazione lungo la via Emilia – è stato consegnato l’assegno corrispondente ai soldi raccolti. Promotore dell’iniziativa solidale è stato il Calerno Calcio che, subito dopo l’accaduto, aveva lanciato, in collaborazione con il Comune, una raccolta fondi da destinare alla famiglia rimasta in grosse difficoltà. «Invitiamo tutta la cittadinanza a far valere il proprio “spirito margheritino” e di generosità nel darci una mano», era stato l’appello un mese fa. Così sabato mattina Lella, Gianni e Pino sono stati accolti in Comune dal sindaco Carlo Perucchetti, dalla vicesindaca Anna Giangrandi e dagli assistenti sociali. «Grazie al cuore di chi ha partecipato, compreso quello dei nostri giocatori e dirigenti, abbiamo consegnato la somma di 1.900 euro alla signora Salvatrice – hanno spiegato dalla società sportiva –. È stata un’annata molto dura per noi, in particolare nella settimana appena conclusa, quando abbiamo dato un ultimo saluto al povero Daniele (Sansone, il 35enne ex giocatore e allenatore vittima di un malore, ndr), ma non per questo abbiamo perso il nostro spirito di appartenenza alla frazione, il nostro spirito di aggregazione e aiuto verso chi ha bisogno di una mano, sopratutto a Calerno. Grazie a tutti voi che avete avuto fiducia nella nostra iniziativa di raccolta e che avete partecipato; grazie a chi ci ha appoggiato e tanti auguri alla famiglia Criscienzo per un prosieguo migliore». L’incidente era accaduto il 5 ottobre a Calerno ed è costato la vita al camionista romagnolo Gianluca Mercatini, 55 anni. Dopo il tragico evento, l’amministrazione comunale si è mossa per trovare una soluzione abitativa per la famiglia Criscienzo. Due giorni dopo l’accaduto il sindaco ha annunciato di avere trovato una sistemazione per la famiglia. Intanto continuano ad esserci pesanti ripercussioni sulla viabilità della via Emilia. Il tratto interessato è ancora a senso unico alternato, con una deviazione nella zona industriale Bellarosa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA