Violenza sulle donne, l'appello dei carabinieri: denunciate

L'iniziativa "Una stanza tutta per sé" per spingere le vittime di violenza a denunciare

L'impegno e le iniziative dell'Arma per contrastare tutti quei comportamenti che ledono le donne fisicamente, psicologicamente e nella loro dignità

REGGIO EMILIA. In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne i carabinieri vogliono sottolineare il proprio quotidiano agire nel contrasto a tutti quei comportamenti che ledono le donne fisicamente, psicologicamente e nella loro dignità, con una serie di simboliche iniziative che aiutino tutte le donne, e in particolare quelle che vivono momenti di difficoltà, a comprendere che il primo passo per tornare libere dalle violenze è quella di denunciare.

Uomini e donne insieme all’Arma sono gli attori principali per poter vincere questa battaglia, che sempre più incide e si insinua nella nostra società. Anche a Reggio Emilia l'obiettivo dei carabinieri è quello di diminuire il numero dei reati sommersi, ovvero tutti quei comportamenti perseguibili che ledono le donne e che, concretizzandosi molto spesso all'interno delle mura domestiche, sono difficilmente individuabili.

Tale fenomeno, aggravatosi nel periodo di “convivenza forzata”, conseguente alla diffusione del Covid, è stato definito dalle Nazioni Unite una seconda “pandemia nell’ombra”. Al riguardo è stata lanciata dai carabinieri una campagna di sensibilizzazione sul web e social, e le caserme sono state illuminate di arancione in adesione al progetto “Orange the World.

La campagna dell'Arma contro la violenza sulle donne

Occorre dare coraggio alle vittime, che si vedono imbrigliate in situazioni apparentemente senza uscita. Gli strumenti specifici di cui si è dotata l'Arma e su cui si può fare affidamento in caso di bisogno sono vari. A partire dalla Sezione Atti Persecutori - collocata nell'ambito del Raggruppamento carabinieri Investigazioni Scientifiche – e che da oltre dieci anni svolge attività di studio e analisi del fenomeno, elaborando valutazioni sui “fattori di rischio” in favore dei reparti operanti, e programmi di formazione del personale.

Tra i vari supporti forniti dal reparto troviamo il “prontuario operativo”, un importante documento riepilogativo delle migliori pratiche adottate nella gestione dei casi, e i corsi basici e specialistici sul tema dello stalking, a favore di ufficiali dell'Arma in servizio presso i reparti investigativi, nonché di tutti i comandanti di compagnia, tenenza e stazione.

A questo si aggiunge, sin dal 2014, la “Rete nazionale di monitoraggio sul fenomeno della violenza di genere”, strutturata su ufficiali di polizia giudiziaria - marescialli e brigadieri - inseriti nell'ambito delle articolazioni investigative territoriali e formati presso l'Istituto Superiore di Tecniche Investigative, con specifici corsi. Ad oggi ne sono stati svolti complessivamente 19, che hanno consentito di formare oltre 400 unità, operanti sul territorio nazionale.

Proprio in concomitanza della celebrazione del 25 Novembre è in corso alla Scuola ufficiali carabinieri il primo seminario, con il coinvolgimento di 100 militari appartenenti alla “Rete nazionale di monitoraggio”, tra cui anche un maresciallo del Comando Provinciale di Reggio Emilia, che ha l'obiettivo di fornire specifici elementi di psicologia comportamentale per migliorare le capacità di interazione con le vittime vulnerabili, sia nel primo contatto in situazioni di emergenza, sia nel successivo percorso di formalizzazione della denuncia.

Questo è il primo di una serie che scaturisce da un accordo operativo con il Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Psicologi (CNOP) sottoscritto lo scorso 17 novembre. L'Arma ha aderito all’iniziativa promossa dalle Nazioni Unite e sostenuta in Italia dal Soroptimist International, l’associazione di donne impegnate nel sostegno all’avanzamento della condizione femminile nella società, illuminando di arancione, nella giornata del 25 Novembre, la sede del comando generale di Roma.

Anche a Reggio Emilia la consolidata collaborazione tra il Club Soroptimist della città e il comando provinciale dei carabinieri ha permesso di realizzare nelle caserme dell'Arma di Reggio Emilia, Guastalla e Castelnovo Monti una delle 150 stanze diffuse in altrettante sedi dell'Arma su tutto il territorio nazionale del progetto “Una stanza tutte per sé”, nato per assistere la donna nel delicato momento della denuncia delle violenze subite.

Ma non solo, oltre agli ambienti accoglienti che aiutano le vittime ad aprirsi e denunciare il loro dramma, proprio oggi, il Soroptimist Club di Reggio Emilia, presso il comando provinciale carabinieri di Reggio Emilia, ha tenuto l'ultima seduta di un seminario sulla comunicazione non verbale da attuarsi nei casi di emergenza dello specifico fenomeno di violenza di genere.

Il seminario, tenuto dalla dottoressa Rosaria Ruta, psichiatra e psicoterapeuta con ampia esperienza nell'ambito del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche di Reggio Emilia, nonché docente universitaria presso l'Università di Modena e Reggio Emilia, ha visto la partecipazione dei comandanti di stazione e di Nucleo operativo e radiomobile della provincia, che sono i terminali della capillare articolazione dell'Arma sul territorio e quindi i primi a intervenire nei casi di violenza.