Piscina, tutto da rifare: il bando va deserto e il Comune di Casina ci riprova

Erano cinque le realtà interessate allo Sport Village ma non erano qualificate per la parte della ristorazione 

CASINA. Nonostante l’interesse per gestire lo Sport Village ci fosse da parte di almeno cinque soggetti, nessuno alla fine si è potuto presentare alla gara per l’affidamento. Pertanto, il Comune farà una nuova procedura probabilmente suddivisa in due “tranche”: una per gli impianti sportivi e l’altra per la parte ristorazione. Quest’ultimo aspetto è quello che si è rivelato più delicato.

La struttura in questione è stata coinvolta nel fallimento Tecton. La scorsa estate dopo che il Comune è rientrato in possesso del bene – le chiavi erano state consegnate dal curatore fallimentare agli amministratori in maggio–, avevano potuto riaprire, dopo alcuni lavori di manutenzione straordinaria, i campetti sportivi e quelli da tennis.


La piscina invece, così come il bar ristorante, sono rimasti chiusi.

L’amministrazione comunale aveva annunciato di essere intenzionata ad arrivare quanto prima ad individuare una nuova gestione e lo scorso 22 settembre è stata varata una procedura, rimasta aperta fino al 23 ottobre, per raccogliere manifestazioni d’interesse da parte di aspiranti gestori.

Hanno risposto alla chiamata cinque realtà, principalmente società sportive, che però si sono poi trovate nell’impossibilità di partecipare alla gara vera e propria perché non in possesso delle caratteristiche necessarie richieste anche per la gestione della parte di ristorazione, (mentre sarebbero state adeguate per gestire le strutture sportive).

L’intenzione dell’amministrazione comunale ora è di suddividere questi due aspetti e aprire altre manifestazioni di interesse, visto che comunque è emerso che nel territorio vi sono più soggetti desiderosi di imbarcarsi in questa attività.

L’obiettivo dell’amministrazione comunale di Casina è di riuscire ad arrivare a un’assegnazione entro la fine dell’anno, così poi da essere pronti per la bella stagione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA