Inaugurata a Pontenovo la struttura dedicata alle famiglie con figli

SAN POLO. Ieri mattina, Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e adolescenza, è stato inaugurato a Pontenovo uno spazio dedicato alle famiglie con figli.

Il nuovo spazio rivolto alle famiglie sarà gestito dal Centro per le famiglie della Val d’Enza. Unione Val d’Enza e Asp Carlo Sartori hanno realizzato questo luogo per favorire azioni di prossimità e partecipazione anche attraverso la collaborazione delle risorse che la comunità offre. Per l’occasione erano presenti il capo della segreteria politica della presidenza della Regione Giammaria Manghi, le consigliere regionali Ottavia Soncini e Stefania Bondavalli, il presidente dell’Unione Luca Ronzoni assieme a tutti i sindaci dell’Unione Val d’Enza, il presidente Asp Sartori Azzio Castagnetti e la funzionaria regionale Francesca Ragazzini.


«La Regione è vicina e crede nell’opera che tante Asp stanno portando avanti a supporto dei più fragili, presto saranno aperte linee di investimento proprio per supportare e dotare il territorio di strutture dedicate all’accoglienza, all’ascolto e all’aiuto dei cittadini», ha affermato Manghi.

In seguito è intervenuto anche Ronzoni. «Sono molto contento per questa nuova struttura – ha dichiarato –. Questo centro è la dimostrazione tangibile dell’operato dell’Unione Val d’Enza, realizzato attraverso Asp Sartori, la società controllata più importante dell’unione che permette di dare una risposta di prossimità ai bisogni o meglio a nuovi bisogni della famiglia e delle persone fragili. Il compito del sindaco è stare tra i suoi cittadini; ecco, oggi, attraverso un lavoro di rete, possiamo dire che il sindaco è presente e a disposizione dei propri cittadini. Siamo in un periodo di evoluzione, le esigenze delle famiglie di ieri non saranno quelle di domani. Oggi poniamo le basi per avere uno strumento sul territorio per assisterle».

«Ringrazio tutto lo staff per l’impegno e la dedizione dimostrata anche questa volta per la realizzazione di questa struttura – è intervenuto Castagnetti – in particolare il direttore Vania Guidotti e la responsabile area minori Monica Pedroni, che ha voluto fortemente questo luogo. Un grazie va anche ai rappresentanti regionali Manghi, Soncini e Bondavalli.

«L’Unione ha da sempre una particolare attenzione al sociale, di cui la famiglia è il nucleo centrale – ha dichiarato il sindaco Palù – purtroppo oggi ridisegnata, trasformata e anche bisognosa di strumenti di aiuto e sostegno come questo».

Daniela Aliu

© RIPRODUZIONE RISERVATA