Domani la marcia per Hakimi

RIO SALICETO. Domani alle 15 l’amministrazione comunale organizza una camminata in memoria di Mahjabin Hakimi, la pallavolista di 18 anni assassinata dai talebani perché inseguiva il suo sogno e aveva scelto una vita che le appartenesse. La partenza è fissata davanti al municipio alle 15, con arrivo previsto alla palestra comunale, dove verrà svelata una raffigurazione creata dall’illustratrice di Rio Saliceto Sara Vincetti.

L’iniziativa è stata promossa a livello nazionale dal Dipartimento Pari Opportunità delle Autonomie locali italiane, con l’adesione di Mauro Berruto ex ct nazionale maschile di pallavolo.


I promotori chiedono alle associazioni sportive di ogni comune italiano che deciderà di aderire di essere presenti.«Come amministrazione, insieme alla Consulta delle Pari Opportunità di Rio Saliceto, sentiamo il dovere e il bisogno di dare nuovamente un segnale forte rispetto alle vicende di violenza che vedono coinvolte le donne nel nostro paese e non solo – ha detto Nicoletta Manca assessore alle Pari Opportunità –. La camminata ha il sostegno delle associazioni sportive del territorio e di tutte le atlete e gli atleti. Ringrazio l’illustratrice Sara Vincetti per la sua spiccata sensibilità ai temi sociali e in particolare a quelli delle donne. Tale raffigurazione contribuirà a lasciare un segno tangibile, nella palestra, della lotta contro la violenza sulle donne. Il 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, è vicino ma noi siamo pronte, come da anni facciamo, a dire che ci siamo 365 giorni all’anno – ha continuato l’assessore Manca –. Abbiamo bisogno di dare buoni esempi alle nostre giovani generazioni e trasmettere loro che i diritti acquisiti non devono essere persi. C’è davvero bisogno di coltivare una cultura che contrasti la violenza maschile e che educhi al rispetto, affinché questa mattanza abbia fine».

La cittadinanza è invitata a partecipare per denunciare la condizione di tantissime donne in pericolo di vita in Afghanistan ma anche contro la discriminazione e per la difesa di tutte le donne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA