Casa protetta, investiti 100mila euro Il sindaco: «Gli anziani una priorità»

Villa Minozzo. «Investire a favore degli anziani è una priorità: vogliamo rendere la Rsa sempre più moderna e accogliente». Ad affermarlo è il sindaco di Villa Minozzo, Elio Ivo Sassi, spiegando l’investimento comunale per opere di ammodernamento della casa di residenza per anziani. «In questo ambito la nostra attenzione è prioritaria. Sono stati adeguati gli spogliatoi del personale– spiega Sassi – con la suddivisione degli stessi in base alle diverse funzioni svolte all’interno della struttura. È inoltre in via di attivazione un generatore autonomo di energia elettrica, prodotta grazie a un impianto fotovoltaico. Sarà anche risistemata la cosiddetta “camera del commiato”. Avverrà infine il riordino complessivo dell’area verde circostante».

Il complesso di proprietà comunale, gestito dal 1988 dalla cooperativa Coopselios, offre alloggio a varie tipologie di utenti. «La casa protetta, cui sono riservati – prosegue il primo cittadino – 24 posti letto per non autosufficienti, parziali o totali, prevede trattamenti socio- assistenziali e sanitari di base, mentre il nucleodemenze è dedicato a sette persone affette da gravi disturbi del comportamento. I letti di sollievo, per un’ospitalità temporanea a prevalente carattere sanitario, sono tre. Vi sono infine due posti riservati ai privati». Questa realtà «rappresenta un fiore all’occhiello per il villaminozzese, e non solo. Promuove, fra l’altro, l’integrazione territoriale e favorisce momenti d’incontro e di solidarietà. Accoglie, riconoscendone il profondo valore sociale, l’apporto del volontariato. L’impegno è quello di offrire una struttura sempre più idonea, moderna, all’avanguardia e rispettosa dei bisogni degli ospiti e delle famiglie».


© RIPRODUZIONE RISERVATA