Ubriaco entra ai Musei e semina il panico

Ieri pomeriggio la sgradita visita: l’uomo orina per terra, rompre un’anfora e spaventa la gente. Preso dalla polizia Locale 

REGGIO EMILIA. Visibilmente ubriaco, ha varcato barcollante il portone del Palazzo dei Musei, ma per niente rallentato dal tasso alcolico ha superato spavaldamente i controlli alla faccia del Green pass gentilmente richiesto dall’addetta all’ingresso. In ordine non necessariamente cronologico ha orinato per terra, seminato panico tra i visitatori, spaventato i vigilantes e rotto un’anfora.

Sono le 15.40 di ieri. Il Palazzo dei Musei di via Spallanzani, come accade ogni domenica, accoglie numerosi visitatori, tra cui famiglie al completo con tanti bambini incollati alle vetrine delle collezioni a loro più congeniali. Tutto scorre secondo il solito copione nell’atmosfera ovattata del museo, tra le visite alle collezioni e raccolte storiche e quelle alle nuove sezioni da poco inaugurate. Tutto fila liscio fino a quando a infilare il portone dei Musei Civici, probabilmente per una pura casualità, è un uomo apparentemente sui trent’anni e sicuramente alticcio.


L’addetta all’ingresso, rendendosi conto che il visitatore inatteso potrebbe fare qualche danno, comunica subito ai colleghi che presidiano le diverse stanze e ai vigilantes in servizio la sua presenza all’interno del Palazzo. E, contemporaneamente, chiama le forze dell’ordine senza dimenticarsi di allertare Coopservice.

Nel frattempo, il visitatore ha già esibito il suo biglietto da visita al primo piano, pensando bene di orinare proprio davanti alla collezione di Paletnologia di Gaetano Chierici, collezione storicamente abituata a ricevere ben diversi attestati di stima.

Mentre le telefonate si moltiplicano aumenta anche la tensione all’interno del Palazzo dei Musei. Man mano che l’inatteso e sgradito visitatore procede con il suo personalissimo percorso, i visitatori si accorgono di questa presenza a dir poco inquietante e, in qualche sezione, inizia un fuggi fuggi generale. Anche il tentativo dei vigilantes di fermarlo non ha vita facile dal momento che l’uomo sembra determinato a proseguire la sua visita. Peccato che tra una sezione e l’altra dei Musei, oltre al panico sparso tra la gente, l’ubriaco finisca per fare danni non di poco conto a partire da un’anfora rotta e da un’altra che ha rischiato grosso. Intanto sul posto arrivano le forze dell’ordine ed è la polizia locale che riesce a bloccarlo, con gli sguardi dei visitatori che si sono ritrovati dal museo al cinema in un battito di ciglia, per portarlo al comando in via Brigata Reggio.

L’uomo è stato denunciato a piede libero per danneggiamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA