È morto a 69 anni l’ex tecnico idraulico

vezzano. Ha destato grande dolore e commozione a Vezzano la morte improvvisa del 69enne Loris Caraffi. Il pensionato è stato trovato morto venerdì nel suo letto nella sua abitazione, in via Lupo, da un famigliare. Vezzanese doc, anticonformista, genuino, idealista, era di idee progressiste e sognava un mondo più giusto, ma diceva: «Una autentica utopia che si avveri». Era stato un esperto tecnico idraulico, aveva lavorato all’ospedale Magati di Scandiano realizzando impianti sofisticati e ne andava fiero. Appassionato di calcio, in particolare della Reggiana, ai suoi funerali ieri ha partecipato un folto gruppo di tifosi con alla testa il figlio Davide con la bandiera granata. Sue passioni anche l’orto e il pollaio, che gestiva nella sua casa nativa sulle rive del Crostolo, in zona pineta, ora da solo e in precedenza col fratello gemello Eugenio deceduto nel 2019. Durante il funerale commovente il ricordo dello zio fatto dal nipote Matteo che ha concluso il suo intervento con: «Ciao compagno Loris e vi invito a fare un brindisi in suo onore, ne sarebbe contento».

D.A.


© RIPRODUZIONE RISERVATA