I lavori al pronto soccorso saranno conclusi entro Natale

Queste le previsioni secondo l’ultimo aggiornamento sull’andamento del cantiere. La sindaca Malavasi compie il terzo sopralluogo: «Le forniture ora sono arrivate»

CORREGGIO. Completati gli impianti e avviati i lavori di pavimentazione e controsoffittature, prende forma anche l’area dove sorgerà la camera calda; in più, è stata individuata e cantierizzata la zona che ospiterà al coperto i mezzi di soccorso. Procedono a passo spedito i lavori al pronto soccorso dell’ospedale San Sebastiano di Correggio. Tanto che la riapertura potrebbe essere anche più vicina di quanto si pensi. Secondo l’ultimo aggiornamento della tabella di avanzamento dei lavori, dopo Natale saremo già ai collaudi, ultima fondamentale pratica che, se tutto andrà bene, dovrebbe richiedere non più di alcune settimane. Le buone e attese notizie sull’andamento del cantiere più osservato della cittadina arrivano dall’ultimo sopralluogo del sindaco Ilenia Malavasi, il terzo in ordine di tempo negli ultimi mesi: il primo era avvenuto il 23 agosto, il secondo un mese dopo il 22 settembre e l’ultimo ieri, 4 novembre. Un’attenzione, quella dell’amministrazione locale, che riflette le preoccupazioni e le attese dei cittadini.

Accompagnata da Morena Pellati, direttrice del distretto Ausl di Correggio, e da Antonio Di Mare, coordinatore dei presidi ospedalieri di Ausl Reggio Emilia, la sindaca ha preso visione dello stato dei lavori sia nell’area esterna che all’interno dell’edificio attualmente oggetto di intervento.


«Il direttore dei lavori ha confermato che sono arrivate molte delle forniture che necessitavano per il completamento dei lavori – commenta Malavasi –. In particolare, nella parte interna sono state ultimate le parti impiantistiche e si sta procedendo per quanto riguarda pavimenti e controsoffittature. Nella parte esterna è già visibile la platea sulla quale sorgerà la struttura metallica, ossatura della nuova camera calda. È stata inoltre approntata una nuova piccola area di cantiere, che ospiterà una tettoia di riparo per ambulanze e automedica, un’esigenza che era stata rappresentata anche dalla Croce Rossa di Correggio. Sulla base di questa situazione, ci è stato confermato che entro dicembre saranno completati i lavori per poi precedere con tutti i collaudi tecnici, indispensabili e obbligatori per giungere finalmente alla riapertura. Come promesso, continuerò a fare visita a questo cantiere per proseguire ad aggiornare i cittadini sulla situazione dei lavori e sull’avanzamento del cantiere».


© RIPRODUZIONE RISERVATA