Saman, slitta ancora la decisione sull'estradizione dello zio

Danish Hasnain si è opposto alla consegna all'Italia e il suo avvocato ha chiesto altri giorni per consultare i documenti. La Chambre de l'Instruction della Corte d'appello di Parigi si riunirà il 27 ottobre

NOVELLARA. Si allungano i tempi per l’estradizione in Italia di Danish Hasnain, lo zio di Saman, accusato di essere l’autore materiale del delitto. La Chambre de l'Instruction della Corte d'appello di Parigi ha rinviato ancora la decisione al 27 ottobre.

L’uomo è accusato di sequestro, lesioni e omicidio. La difesa del pakistano ha chiesto più tempo per poter analizzare i documenti supplementari inviati dalla giustizia italiana, che sono stati tradotti in francese soltanto nelle ultime ore.



Danish si è opposto all’estradizione e dunque i tempi per la consegna all’Italia si sono allungati. Il suo arrivo a Reggio viene considerato di grande importanza dagli inquirenti, che lo ritengono colui che ha ideato il piano per uccidere e far sparire la 18enne, colpevole agli occhi del clan familiare di essersi ribellata a regole arcaiche.