Paga la prostituta con la carta della madre

L’uomo ha accompagnato l’anziana a denunciare l’indebito utilizzo poi è emerso che era stato lui, nei guai il 50enne

SAN POLO. Ha pagato le prestazioni sessuali a una prostituta trans con le gift card Amazon, acquistate e ricaricate di nascosto con la carta di credito dell’anziana madre. Ma, a distanza di mesi, la sua responsabilità per l’indebito utilizzo è emersa nell’ambito delle indagini dei carabinieri a cui la donna si era rivolta accorgendosi dell’ammanco ingiustificato di 700 euro dal suo conto corrente.

Per questo l’uomo, un 50enne del paese, alla fine degli approfondimenti svolti dai militari dell’Arma, è stato denunciato.


Addirittura l’anziana madre aveva presentato ai carabinieri della stazione di San Polo la denuncia, accompagnata dallo stesso figlio che la donna ignorava essere l’autore del furto.

Anche la trans, una 34enne abitante a Parma e di nazionalità brasiliana, dal canto suo è risultata del tutto estranea al furto. Aveva utilizzato la gift card per acquistare su Amazon generi alimentari, scarpe, occhiali da sole, telefono cellulare e asciugatrice portatile per un controvalore di circa 700 euro.

Il figlio della derubata probabilmente riteneva la denuncia della madre una mera formalità, ma successivamente, a distanza di alcuni mesi, si è visto convocare in caserma dai carabinieri della stazione di San Polo e qui formalizzare la denuncia a suo carico per indebito utilizzo di carte che abilitano al pagamento, aggravato dalla continuazione del reato.

Si perché i pagamenti alla prostituta sotto forma di gift card erano stati ben più di uno, come si evince anche dai movimenti sulla carta di credito dell’anziana vittima del furto.

E proprio a partire dalla 34enne che abita a Parma si sono mossi i carabinieri di San Polo. Le indagini infatti si sono indirizzate nei confronti della brasiliana dal momento che era risultata lei ad avere usato le Gift card Amazon, una sorta di buoni regalo ricaricabili tramite i normali circuiti di pagamento bancari attraverso appunto anche le carte di credito.

In questo caso con la carta di credito dell’anziana donna.

In pratica le Gift card usate dalla 34enne venivano acquistate o ricaricate in buona fede con le credenziali della carta di credito che gli aveva fornito il 50enne reggiano, senza per altro essere a conoscenza del fatto che il titolo bancario fosse intestato alla madre di lui.

In questo modo il 50enne pagava puntualmente le prestazioni sessuali all’insaputa della madre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA