«Arena, costretti ad aumenti per l’affitto delle palestre»

L’annuncio del presidente Ghanm a causa dei lavori al palazzetto e alla Terrazza: «Chiediamo aiuto per reperire risorse alle aziende che credono nei nostri progetti»

MONTECCHIO. «La situazione che stiamo attraversando è delicata, sia dal punto di vista economico che di carenza di spazi per le attività. Ci troviamo in una struttura dove siamo tenuti a versare un affitto oneroso e siccome, attualmente, non possiamo fare affidamento sui contributi di privati o da parte del Comune, siamo obbligati a ritoccare lievemente le quote di iscrizione ai corsi».

Così Ramy Ghanm – presidente della Polisportiva l’Arena che attualmente vede 1.700 iscritti con molteplici attività che vanno dal basket alla ginnastica per gli anziani, dalle arti marziali e alla riabilitazione – annuncia l’aumento, a fronte della complessa situazione che stanno affrontando. «I lavori al centro commerciale La Terrazza procedono e presto vedranno la fine con la previsione di iniziare le attività entro ottobre. La struttura non sarà ancora al 100% delle sue rifiniture, ma sarà dotata del necessario per iniziare – spiega Ghanm – Siamo sempre stati consci che nei progetti importanti che sta portando avanti l’amministrazione comunale non è prevista una ricollocazione delle attività della Sala Specchi e della Ex Arena Center, quindi la nostra società ha fatto una scelta importante investendo nella realizzazione di una struttura dedicata alla ginnastica per il benessere e alle attività di arti marziali». «È una struttura nuova, in un punto strategico di Montecchio accessibile con estrema facilità. Così rispetto alle stagioni precedenti ci tocca aumentare le quote. Chiediamo di comprendere la situazione complessa in cui versiamo e di aiutarci a reperire le risorse di cui abbiamo bisogno per affrontarla, tramite aziende private che credano nel progetto di sport salute e scuola che promuoviamo costantemente con le nostre attività» chiede il presidente.


La tensostruttura che sta costruendo l’amministrazione comunale vicino al Silvio D’Arzo vede la data di fine lavori slittare a inizio novembre.

«Fino a tale data continueremo ad allenarci in situazioni precarie e organizzate di settimana in settimana in funzione delle disponibilità della palestra; di questo ci scusiamo e vi chiediamo di comprendere la situazione di estrema incertezza e quindi di avere pazienza e flessibilità. Non appena sarà pronta, la struttura ospiterà calcetto, volley e pattinaggio – continua –. In accordo con l’amministrazione avevamo rinunciato alla presenza dei canestri, che avevano un costo di circa 20.000 euro per veicolare quella somma nella realizzazione degli spogliatoi, che abbiamo ritenuto essere più importanti per la tensostruttura, consci che la somma non sarebbe comunque stata sufficiente a coprire la spesa di realizzazione, ma che fosse comunque una buona base di partenza. Attualmente i soldi sono stati stanziati per lavori strutturali non previsti, quindi, l’amministrazione si sta impegnando nel recuperare degli spazi già esistenti per la realizzazione di spogliatoi».

Il presidente conclude: «Siamo contenti della ripresa sportiva, con numeri degli iscritti quasi comparabili a quelli dell’era pre-covid, in alcune situazioni raddoppiati. Continuiamo a lavorare sui servizi offerti dalla Polisportiva e siamo altrettanto felici di comunicare che per i prossimi due anni la Polisportiva L’Arena si è aggiudicata il servizio “Dopo scuola” e si occuperà della gestione pomeridiana degli studenti che avranno necessità di supporto compiti e attività di laboratorio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA