San Polo, festa abusiva sul fiume Enza: denunciato il 27enne "seriale"

Lo stesso ragazzo aveva organizzato almeno altre due feste abusive, senza nessun controllo Covid

SAN POLO D'ENZA. Finisce ancora nei guai il 27enne che, dallo scorso settembre, ha organizzato feste abusive (non autorizzate) e in aperta violazione delle norme anti Covid in diverse località della provincia di Reggio Emilia.

L'ultimo evento, a cui hanno partecipato circa 400 persone risultate aver pagato anche un biglietto di ingresso, si è svolto domenica notte in un locale nei pressi del fiume Enza, nel comune di San Polo. Il giovane residente a Quattro Castella che ha promosso la serata, dandone anche notizia sui social, è stato quindi denunciato dai carabinieri per apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo e sanzionato amministrativamente, per un importo complessivo di 800 euro per le mancate autorizzazioni e per le violazioni alle norme sul Covid (nessun distanziamento o controllo del green pass).

Il locale è stato chiuso. Lo stesso 27enne, la settimana scorsa, aveva organizzato un altro evento a quattro castella (300 in quel caso i partecipanti). E un'altra festa «clandestina» era stata imbastita prima ancora, alla fine dello scorso mese di settembre. Per entrambi gli episodi il ragazzo era stato denunciato.