Carpineti, lupa investita e uccisa sulla Statale 63

L'esemplare era molto giovane, del recupero si è occupato il Rifugio Matildico

CARPINETI. Una femmina di lupo, ancora molto giovane, è stata trovata ieri morta nei pressi della Statale 63, a Ca’ del Merlo. L’animale è stato con ogni probabilità investito da un mezzo e a causa dei gravi traumi è morto.
La presenza della carcassa dell’animale è stata segnalata a Ivano Chiapponi, del Rifugio Matildico di Caverzana di San Polo, per il recupero.

È lui infatti l’incaricato dagli enti preposti a questo genere di rimozioni. Si occupa anche, con l’associazione che al rifugio da 10 anni si prende cura degli animali selvatici, eventualmente alle cure di un lupo, qualora venga trovato ferito.

Un'eventualità accaduta già due volte nel corso dell’ultimo anno e mezzo: un maschio era stato recuperato investito nel 2020 a Calerno ed era stato curato fino a quando è stato possibile liberarlo; una femmina è stata raccolta in provincia di Parma e curata. In seguito quella lupa, poi ribattezzata Betti, è stata trasferita in un centro in provincia di Bologna per la successiva riabilitazione.

Il rinvenimento, non infrequente, di lupi investi dimostra come per loro la strada rappresenti ormai un pericolo alla propria incolumità quando lasciano i boschi e la montagna per scendere nelle zone con maggiore antropizzazione.