Punta una pistola alla tempia e massacra di botte un minore

Diciottenne agli arresti domiciliari per rapina e lesioni personali aggravate Bottino: una carta di credito, il tesserino sanitario e una sigaretta elettronica

Castelnovo Sotto. Mentre era in sella alla sua bici e percorreva le strade di Castelnovo Sotto, all’altezza di via Prato Bovino è stato aggredito da un giovane: pugni sul viso, morsi allo zigomo, dita negli occhi e pistola puntata alla tempia, con tanto di colpo sparato in aria a scopo intimidatorio. È accaduto a fine agosto ai danni di un minore reggiano. L’aggressione a scopo di rapina è terminata con l’aggressore in fuga con la tessera sanitaria, una carta di credito ricaricabile e una sigaretta elettronica del minorenne.

Per questo episodio del peggior bullismo i carabinieri di Castelnovo Sotto, ai quali i genitori della giovane vittima si sono presentati denunciando l’accaduto, hanno identificato il responsabile: un 18enne reggiano ora denunciato per i reati di lesioni personali aggravate e rapina. La procura reggiana, condividendo le risultanze investigative dei carabinieri di Castelnovo Sotto, ha chiesto e ottenuto dal Gip del tribunale di Reggio Emilia un provvedimento cautelare restrittivo in regime di arresti domiciliari. Misura cautelare eseguita sabato mattina dai carabinieri di Castelnovo Sotto, che hanno arrestato il 18enne. Pesanti le accuse mosse al 18enne che, secondo l’accusa, la notte del 30 agosto scorso, mediante violenza e minaccia consistita nello spingere a terra la vittima, nel colpirlo con pugni sul viso e alla testa, morsi allo zigomo, dita negli occhi, strattoni alle braccia e al collo, nonché mediante l’utilizzo di una pistola (probabilmente a salve), usata dapprima per puntarla alla tempia della vittima e poi per sparare un colpo in aria, gli ha sottratto una sigaretta elettronica, una carta di credito ricaricabile e la tessera sanitaria con il codice fiscale. Il minorenne, ricorso alle cure mediche, ha avuto circa un mese di prognosi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA