Tour dei beni confiscati. Oggi tappa a Brescello con Cortocircuito

L’iniziativa è sostenuta dalla giunta regionale. Alle 15.20 l’incontro pubblico con il procuratore Lucia Musti, Elia Minari ed Enrico Bini

BRESCELLO. Parte oggi il tour dell’associazione culturale antimafia Cortocircuito dei beni confiscati alle mafie.
La prima tappa è in programma al tribunale di Reggio Emilia alle 9.30, con un incontro formativo: relatori Andrea Rat, giudice estensore delle motivazioni della sentenza del maxi-processo “Aemilia”; Elia Minari, giurista e coordinatore dell’associazione Cortocircuito; il colonnello Andrea Milani, nuovo comandante provinciale dei carabinieri, proveniente da Reggio Calabria dove si è occupato anche di contrasto alla ’ndrangheta.

A seguire, ci sarà il tour in pullman per visitare alcuni tra i beni più significativi confiscati alla criminalità organizzata, nell’ambito del maxi-processo “Aemilia”. La tappa probabilmente più significativa sarà a Brescello dove è previsto un incontro pubblico rivolto a tutta la cittadinanza dalle 15.20 alle 16.10, in piazza Matteotti, davanti al municipio che nel 2016 venne commissariato per infiltrazioni mafiose.



Qui interverranno Lucia Musti, magistrato della Procura Generale di Bologna, nonché pubblico ministero d’Appello del maxi-processo “Aemilia” e del processo “Aemilia ’92” che ha recentemente portato a quattro condanne all’ergastolo, Elia Minari, Enrico Bini, ex presidente della Camera di Commercio di Reggio e attuale sindaco di Castelnovo Monti, che denunciò la presenza delle mafie nel Reggiano.

Le altre tappe principali del tour formativo saranno a Gualtieri, alle 11, dove c’è la sede di importanti aziende confiscate; a Sorbolo (Parma), nel pomeriggio, dove vi è la più grande lottizzazione edilizia d’Italia confiscata alla ’ndrangheta; alle 17.40 a Montecchio, al “Millefiori”, ristorante con piscina confiscato. Interverranno diversi magistrati, tra i quali il procuratore capo di Parma, a Sorbolo, oltre ad amministratori giudiziari del tribunale, forze dell’ordine, sindaci e amministratori pubblici.

Il tour rientra nell’ambito del progetto regionale “I beni confiscati alle mafie come fari di legalità”. Il progetto, promosso e organizzato da Cortocircuito, è sostenuto dalla Giunta della Regione, da Ance Reggio Emilia, dalla Fondazione Manodori e da altri enti. La vicepresidente della Camera Maria Edera Spadoni e deputata reggiana del MoVimento 5 Stelle parteciperà insieme al deputato Davide Zanichelli all’ incontro di Brescello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA