Lo “Sciamano” Hermes Ferrari salvato dalla prescrizione

Era a processo per essersi azzuffato dieci anni fa  all’ufficio postale di Sassuolo,  ma ieri in tribunale è stata applicata l’estinzione del reato

SCANDIANO. Era a processo per una rissa che si era verificata dieci anni fa, all’ufficio postale di Sassuolo, ma è intervenuta la prescrizione a far sì che il reato si estinguesse.

Fa ancora parlare di sé, il ristoratore Hermes Ferrari, titolare di pizzerie sia a Rubiera, sia a Modena. Ferrari, scandianese di 53 anni, era salito agli onori delle cronache – guadagnandosi quel soprannome – lo scorso inverno quando, durante le manifestazioni dei ristoratori di #ioApro, si era presentato a Roma con un travestimento simile al seguace di Trump, Jake Angeli, protagonista dell’assalto al Campidoglio.


Ieri mattina, in tribunale a Modena, si è svolta l’ultima udienza di una saga che lo vede protagonista assieme a un altro imputato, Gennaro Miranda.

Il fascicolo è stato aperto nel 2011. Secondo le ricostruzioni esposte in sede giudiziaria, i due si trovavano alle Poste di Sassuolo. Uno dei due, Gennaro Miranda, stava parlando al telefono. Mentre avveniva questa conversazione, Hermes Ferrari, che si trovava nelle vicinanze dell’altro (futuro) imputato, avrebbe iniziato a cantare, disturbando così la telefonata.

Dal sentirsi semplicemente infastiditi al passare alle maniere forti è stato un attimo: i due si sono azzuffati all’ufficio postale di Sassuolo, tanto che uno degli imputati, Miranda, è poi finito all’ospedale, dove gli sono stati diagnosticati tre giorni di prognosi. Dalla vicenda è uscito malconcio anche lo Sciamano, tornato a casa con la maglietta strappata a seguito della colluttazione.

I capi d’imputazione erano rissa, lesioni personali e ingiuria.

Il procedimento era stato incardinato presso la sede distaccata del tribunale di Sassuolo, dove c’era stato il rinvio a giudizio. Tuttavia, le sedi giudiziarie periferiche – tutte quelle che sorgevano in provincia – sono state chiuse e il fascicolo è rimasto per anni a prendere la polvere sugli scaffali, finché non si sono adempiuti i termini per la prescrizione.

S.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA