Contenuto riservato agli abbonati

“Curato” online da un reggiano no vax finisce in Rianimazione

La procura apre un’inchiesta sul caso del 68enne malato di Covid ora in fin di vita. L’uomo aveva deciso di seguire i consigli web di un medico residente in provincia di Reggio Emilia

REGGIO EMILIA. Ha 68 anni, non si è mai vaccinato e si curava a casa dal Covid con la “telemedicina”, dei consulti telefonici e via mail di un medico legato alla associazione Ippocrateorg.org. Medico che, si è scoperto nelle scorse ore, è reggiano. E ora, mentre il 68enne lotta fra la vita e la morte in Rianimazione a Ferrara, la procura ferrarese ha deciso di aprire un’inchiesta conoscitiva. Se al momento non ci sono né indagati né ipotesi di reato, sono però in corso accertamenti per chiarire meglio i fatti.

L’uomo si trova da diverse settimane in terapia intensiva dopo il primo accesso al pronto soccorso – obbligato ad andarci solo dall’intervento di una sua amica – dove era arrivato con un livello di saturazione pari a 58 (la concentrazione percentuale di ossigeno nel sangue). Un livello bassissimo tanto che, ad esempio, la stessa associazione Ippocrateorg.org cui si era rivolto si appella così ai pazienti sul suo sito: «In caso di saturazione minore di 94-95 non dovete attendere di usufruire del servizio dei nostri medici volontari ma dovete ottenere quanto prima visita ed eventuale ricovero, contattando con estrema sollecitudine medico di base, guardia medica, 118 o recarvi al Pronto soccorso».


Lui aveva fatto così e al Sant’Anna non era rimasto che sottoporlo subito a ossigenazione col casco: con difficoltà poiché il 68enne, convinto delle cure alternative, voleva firmare le dimissioni e andarsene. Ma di fronte al suo diritto di curarsi come vuole i sanitari hanno fatto valere l’obbligo di curarlo per evitare il peggio, la morte, sottoponendolo addirittura anche a consulenza psichiatrica per tenerlo in ospedale. Dopo il ricovero, però, si era subito aggravato e poi intubato: oggi le sue condizioni sono gravissime e sta lottando tra la vita e la morte. Tutto questo è stato segnalato dal Sant’Anna alla procura cittadina, che ha poi aperto un’inchiesta in attesa di capire di più sulle posizioni del paziente, del medico reggiano che lo curava a distanza (per telefono e mail, senza mai averlo mai visto nè visitato) e dell’associazione che lo stesso paziente aveva citato ai medici.

L’indagine penale è aperta (seguita dai pm Garau e Savino) e dovrà accertare se e come è stato curato il paziente. E ancora se, lui, suggestionabile e con patologie anche psichiatriche, abbia non seguito le terapie indicate dal medico. Terapie comunque non riconosciute da nessun protocollo sanitario anti Covid. Ora nell’indagine sono finiti messaggi e mail che lo stesso paziente ha reso noto in ospedale – dopo il primo accesso, esprimendo la volontà di dimettersi – sui consulti a distanza del medico legato a Ippocrateorg.org, che fa parte del gruppo di volontari di “Assistenza”. Proprio da questi messaggi emergerebbe come il paziente non avrebbe assunto i farmaci prescritti. E l’associazione, contattata, ha fornito in automatico solo risposte con moduli predisposti, spiegando che il servizio di accettazione assistenza è «sospeso fino ad esaurimento delle richieste», ribadendo l’allarme per la saturazione sotto i 94/95: se questo paziente l’avesse saputo o letto, avrebbe atteso che scendesse a 58 prima di andare in ospedale?

Daniele Predieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA