Aemilia ’92, il plauso delle Agende Rosse «Mafia messa al muro»

reggio emilia. Due movimenti emiliani delle Agende Rosse – il gruppo “Rita Atria” di Reggio Emilia e provincia nonché il gruppo “Mauro Rostagno” di Modena – commentano la sentenza di appello di Aemilia ’92 che ha ribaltato l’esito processuale (ergastolo per tutti e quattro gli imputati) di uno dei filoni giudiziari sulla 'ndrangheta emiliana. Un ribaltamento, a favore dell'accusa: «Esprimiamo gratitudine a tutti gli organi inquirenti che, dalle indagini di Aemilia, continuano senza sosta il duro percorso iniziato con il più grande processo nel nord Italia contro la 'ndrangheta. L'impianto accusatorio dei magistrati Ronchi e Musti – scrivono nella nota congiunta – ha rivelato ancora una volta come si muove una organizzazione mafiosa, elemento fondamentale e non sempre riconosciuto nei processi di mafia. Riconosciamo in particolare alla dottoressa Beatrice Ronchi il profondo impegno che sta dimostrando anche in altri processi satelliti di Aemilia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA