Contenuto riservato agli abbonati

Sempre in sella per 27 giorni, così Ivano è arrivato a Istanbul

Filippi era partito il primo settembre, ha pedalato per 2.470 chilometri. L’ex bancario: «Un’avventura entusiasmante. Ringrazio chi mi ha sostenuto»

CASINA. È arrivato a Istanbul il cicloturista Ivano Filippi, che ha coperto l’intero percorso da Casina alla metropoli turca in solitaria. Il 64enne era partito da Casina il pomeriggio del primo settembre ed è arrivato lunedì 27 settembre, dopo 27 giorni di fatiche. Ha percorso 2470 chilometri, alla media di 91 al giorno.

Abbiamo chiesto al ex bancario di raccontarci della sua avventura: «Sono arrivato a Istanbul, una città già visitata in passato, dove scopri una dimensione magica che ti affascina ed emoziona sempre. Ora sono di nuovo qui, arrivato con la mia indistruttibile Trek, le mie borse da viaggio, le mie paure ma anche i miei sogni. Con me ho portato “Le ali di Camilla” e sono certo che Camilla ha volato insieme a me fin qui a Istanbul. È stato un viaggio entusiasmante, un’avventura avvincente. Ho pedalato per 27 giorni, percorso esattamente 2.470 chilometri, attraversato 7 Stati (Slovenia, Croazia, Bosnia, Montenegro, Albania, Grecia e Turchia), e scoperto e ammirato posti incredibili, conosciuto persone diverse, un po’ strane ma sempre gentili. Ringrazio di cuore tutti quelli che mi hanno sostenuto, i numerosi amici che mi hanno incitato, scritto, addirittura telefonato preoccupati di sapere come stavo e come era la situazione intorno a me. Grazie al mio gruppo ciclistico “i Tornanti” per il continuo supporto e, infine, un caloroso pensiero ai miei familiari, spero di riabbracciarvi presto. Alessandra arrivo! Un arrivederci e un risentirci alla prossima avventura».

Ivano non è nuovo a imprese del genere: è stato a Parigi, Capo Nord e altre località. Ex bancario in pensione, oltre a questa grande passione, la bicicletta, è anche triatleta, pratica nuoto, podismo le altre discipline. Ha partecipato anche ad alcune maratone. In passato ha attraversato a nuoto lo stretto di Gibilterra, le Bocche di Bonifacio dalla Sardegna alla Corsica, e soprattutto il lago di Lochness, dove però, dopo 8 ore di nuoto, si è dovuto ritirare causa il freddo e le condizioni avverse. Ora annovera questa ulteriore straordinaria impresa fra i ricordi più belli. In aereo il rientro assieme alla sua fedele bici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA