Quattro Castella, la palestrina di Montecavolo intitolata a Gianna e Kobe Bryant

QUATTRO CASTELLA. La palestra della Casa del Volontariato (ex scuole elementari) di Montecavolo è stata intitolata a Gianna e Kobe Bryant, morti nell’incidente in elicottero del 26 gennaio 2020 in California. La stella del basket Nba abitò da ragazzino a Montecavolo quando il padre Joe giocava nella Pallacanestro Reggiana e lui nelle giovanili del club biancorosso. La scomparsa di Kobe e della figlia 13enne ha suscitato cordoglio in tutto il mondo, e a Montecavolo hanno pensato a come ricordarlo. Così ieri pomeriggio la palestra di Montecavolo – su cui Cristiano Chierici ha dipinto un murale raffigurante Gianna e Kobe – è stato dedicato a padre e figlia; un evento che è stato accompagnato da un’iniziativa dal titolo “Donne e Sport”. Il tutto nell’ambito del “Settembrone” organizzato dal Comune: una quindicina di eventi organizzati nei 4 weekend del mese anche per “recuperare” manifestazioni rinviate nei mesi scorsi causa pandemia. Ieri sera in piazza Dante a Quattro Castella era in programma il 4° Festival europeo delle Orchestre Giovanili. Oggi l’inaugurazione di “Transiti – Tracce d’arte sul territorio”: 5 grandi installazioni a cielo aperto realizzate da Marina Gasparini. All’inaugurzione (17.30 al cinema di Puianello) sarà presente il poeta Franco Arminio, accompagnato dalle musiche di Mirco Ghirardini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA