Nel weekend arriva a Reggio Emilia il primo Festival di Internazionale Kids

Annalisa Rabitti, Luca Vecchi, Claudio Rossi Marcelli, Raffaella Curioni alla presentazione del festival Internazionale Kids

Il sindaco Vecchi: «Un onore ospitare la prima edizione. Speriamo sia solo l’inizio di una lunga collaborazione»

REGGIO EMILIA. Un fine settimana per parlare di razzismo, sport, ambiente, femminismo e molto altro con giornalisti, scrittori, esperti, illustratori e fotografi. Da venerdì 17 a domenica 19 settembre i Chiostri di San Pietro ospiteranno la prima edizione del festival Internazionale Kids, organizzato dall’omonima rivista e rivolto a bambini e ragazzi dai sette anni in su.

CAPIRE IL MONDO


Chi l’ha detto che l’attualità non è cosa per ragazzi? Si parlerà di Black lives matter (venerdì ore 16 e sabato ore 15 con la scrittrice Espérance Hakuzwimana Ripanti), crisi climatica (con l’entomologo Gianumberto Accinelli venerdì ore 18.30 e sabato ore 17). Ma ci sarà anche spazio per ragionare sulle conseguenze della pandemia sull’istruzione (sabato alle 10 verrà presentato il progetto “Fare scuola” con cui la Fondazione Reggio Children ed Enel Cuore, onlus di Enel, hanno riqualificato spazi educativi nelle periferie del Paese) e su cosa sta succedendo in Afghanistan. E poi approfondimenti sul femminismo con la scrittrice Giulia Blasi e sulle persone LGBT+ con il finalista al Premio Strega Jonathan Bazzi. Nella sala video sarà proiettato “La Challenge”, il cortometraggio nato da un’iniziativa del Gruppo Iren (sponsor della tre giorni di Internazionale Kids) e presentato al Giffoni Film Festival, sul tema della sostenibilità ambientale.

IMPARARE A PROTESTARE

Per combattere le ingiustizie ci si deve prima di tutto attivare. Ogni giorno si terrà il laboratorio “Poster Power!” a cura dell’illustratrice Teresa Sdralevich che spiegherà come disegnare e realizzare cartelloni di protesta efficaci e belli (Sala Lunga, venerdì ore 16.30, sabato ore 10 e ore 15, domenica ore 10 e ore 15). I manifesti verranno esposti e l’autore del più bello vincerà un abbonamento annuale gratuito a Internazionale Kids.

PAROLE E IMMAGINI

In programma tante presentazioni di libri: sabato alle 11, ad esempio, lo scrittore Fabio Geda racconterà cosa è successo a Genova nel 2001a partire dal suo libro “Fai qualcosa!” (Mondadori, 2021); Simona Baldanzi presenterà invece (sabato ore 10.30 Food in Chiostri) il suo romanzo “Pietra Pane e il mondo che c’è” (Rrose Sélavy, 2020) una favola sociale che frantuma la paura del diverso. E poi laboratori per tutti i gusti. Da “Impariamo i kanji” (sabato ore 18, Lab Aperto) per imparare la calligrafia nipponica a “Forme sensibili”, un laboratorio a cura di Reggio Children sulle strutture nascoste della natura che ci circonda (venerdì alle 17, Sala delle Colonne e domenica alle 10). Con “Mappare la felicità”, a cura di Ludosofici, ci si interrogherà sul modo in cui luoghi che attraversiamo sono legati alle nostre emozioni (sabato ore 11.30 e 16.30). E poi consigli su amici, scuola e famiglia con Claudio Rossi Marcelli, giornalista di Internazionale e direttore editoriale del festival, in “Domande incrociate” (sabato ore 14, Lab aperto).

MUSICA

Sabato alle 18 il rapper Amir Issaa presenterà “Educazione rap” (Add Editore, 2021) con il quale insegna a trovare le rime e lo stile per raccontare la realtà, sfidando i pregiudizi. Domenica (ore 18) si chiude con La Rappresentante di Lista che si cimenterà in un viaggio musicale da David Bowie a Billie Eilish per spiegare come la musica pop può cambiare la società.

Programma completo su internazionale.it e sul sito del Comune di Reggio. Tutti gli incontri sono a ingresso gratuito ma occorre prenotarsi su Eventbrite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA