Saer all'opera per soccorre un 82enne sfinito e un uomo caduto durante il trekking

Il trasporto dell'uomo caduto burante il trekking nei presso del rifugio Battisti

Il primo intervento è stato sul Cusna, il secondo, mezz'ora dopo, nei pressi del rifugio Battisti. Nessuno dei due escursionisti è grave

VENTASSO E VILLA MINOZZO. Due interventi nel pomeriggio di giovedì 12 agosto da parte della squadra del Soccorso alpino e speleologico stazione monte Cusna per soccorrere persone in difficoltà. Intorno alle 14 è arrivata una richiesta di soccorso al 118 per un uomo di 82 anni, in campeggio a Febbio, che era andato a fare una passeggiata sul crinale del Cusna, ma durante la discesa è stato colto da malore e si è accasciato a terra. Il 118 ha inviato l’ambulanza di Villa Minozzo e la squadra del Soccorso alpino. L’uomo, dopo una faticosa marcia di avvicinamento da parte dei tecnici e del medico è stato raggiunto. L'uomo nel frattempo si era ripreso ed è  stato accompagnato a valle per un tratto utilizzando la seggiovia e poi col mezzo fuoristrada  fino al parcheggio dove ad attendere c’era l’ambulanza. L'uomo ha poi rifiutato il ricovero.

L'anziano recuperato dal Ser sul Cusna

Mezz'ora più tardi la seconda richiesta di soccorso per un turista che stava facendo una passeggiata insieme alla famiglia nei pressi del rifugio Battisti. Durante il rientro l’uomo è caduto a terra procurandosi un doloroso trauma alla gamba. Il 118 ha inviato la squadra del Soccorso Alpino e Speleologico stazione monte Cusna e l’ambulanza di Villa Minozzo. I tecnici arrivati sul posto, dopo valutazione, hanno richiesto l’intervento dell’elicottero 118 di Pavullo dotato di verricello con a bordo un tecnico del Cnsas. Nell’attesa dell’arrivo dell'elisoccorso è stato immobilizzato l’arto al ferito che è stato trasportato in barella fino alla piazzola del rifugio. Il personale medico ha somministrato l’analgesia per il forte dolore e trasportato il paziente all’ospedale di Reggio Emilia, mentre la moglie e il figlio sono stati accompagnati dal personale del Cnsascon il mezzo fuoristrada fino al parcheggio di Febbio.