Una cena in favore di Ema a ricordo dei coniugi Macchioni

Marito e moglie morirono a sette giorni l’una dall’altro nel novembre 2020. Il ricavato andrà all’acquisto di un’ambulanza dedicata anche a Eligio Trevisi

CASALGRANDE. Si terrà sabato 28 agosto, alle 20 nella zona sportiva di Salvaterra, l’iniziativa organizzata in memoria di Paola Romani e Paolo Macchioni, moglie e marito scomparsi a una settimana di distanza l’una dall’altro nel novembre del 2020.

L’iniziativa, nata e voluta dai figli Serena e Riccardo e patrocinata dal Comune di Casalgrande, nasce con l’intento di unire un momento in compagnia a uno di solidarietà a favore della comunità.


La cena prevede antipasto, grigliata mista di carne, contorni e bevande, l’intero ricavato della serata sarà devoluto alla pubblica assistenza casalgrandese EMA Emilia Ambulanze, creato per sostenere l’acquisto di una nuova ambulanza che sarà a ricordo di tre abitanti della zona, Eligio Trevisi e appunto Paola Romani e Paolo Macchioni.

I coniugi sono morti nei primi giorni del novembre 2020, entrambi avevano 54 anni. Paola, infermiera impegnatissima nel volontariato e nel mondo parrocchiale, era stata progressivamente debilitata da una lunga malattia che purtroppo se l’è portata via. Una settimana dopo, il marito era stato stroncato da un malore improvviso mentre si trovava da solo nella propria abitazione.

Macchioni aveva alle spalle una lunga esperienza in politica, sempre in ambiente cattolico, e in particolare nell’Udc.

Nel mandato dal 1999 al 2004 era stato assessore con il sindaco Luciano Branchetti, a capo di una coalizione di centro-sinistra, uscendo dal ruolo nel 2003. Nel 2004 si era ricandidato, questa volta in una lista opposta al centro-sinistra, nell’occasione guidata da Andrea Rossi, poi primo cittadino per dieci anni, rimanendo ancora in consiglio comunale nel penultimo mandato.

L’evento in loro memoria si svolgerà nel rispetto delle normative del periodo, sarà quindi necessario essere in possesso di green pass o tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti.

Le prenotazioni sono aperte sino a giovedì 26 agosto rivolgendosi a Nadia al numero 349-220.1072.

L’appuntamento di Salvaterra rappresenta una nuova tappa di “Insieme per la vita!”, il progetto di raccolta fondi voluto dalla famiglia Macchioni e da quella di Eligio Trevisi, conosciutissimo volontario e consulente bancario di Salvaterra deceduto alla fine del settembre 2019 a 68 anni.

Insieme, hanno dato il via a un percorso pensato per aiutare EMA nell’acquisto di una nuova ambulanza. Un modo per rispondere a un’esigenza forte: il ricambio dei mezzi attrezzati per le emergenza nasce dai vincoli imposti alle pubbliche assistenze dall’accreditamento regionale. Per svolgere i servizi in convenzione con le Ausl, a partire dall’emergenza-urgenza e dai trasporti sanitari, le realtà di volontariato coinvolte possono utilizzare solo veicoli che non abbiano più di sette anni di vita o non abbiano già percorso più di 300mila chilometri.

Ema, oltre a molte attività ordinarie, garantisce la copertura per le emergenze nell’intero territorio comunale casalgrandese e nella zona di Cadiroggio a Castellarano.

Per aderire a “Insieme per la vita!” è possibile sia effettuare un bonifico bancario che utilizzare l’applicazione PayPal, per una transazione digitale. In entrambi i casi, si riceverà una ricevuta fiscale deducibile successivamente per la dichiarazione dei redditi.

Chi voglia usare la strada del bonifico bancario dovrà fare il versamento all’Iban IT29N0850966240026010010090. Come causale, va inserita la scritta “Insieme per la vita!”, assieme al nome e al cognome e a un numero telefonico a cui essere contattati per l’emissione della ricevuta fiscale. Per PayPal, invece, si può passare dalla piattaforma già presente sul sito dell’associazione www.emilia-ambulanze.it e completare da lì i vari passaggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA