L'estate della cultura, aspettando i busker

A Ferrara concerti, musei aperti di sera e itinerari. A settembre debutta il Confort Festival

FERRARA. Ferrara da vivere e visitare. Ferrara che stupisce ed emoziona, per la sua bellezza artistica e per le occasioni di godere di una ricca offerta fatta di musica e spettacolo. La città estense si è già tuffata a capofitto nell’estate con Festival di cinema, musica, un programma culturale che ha toccato punte di nove mostre, rassegne ed esposizioni aperte contemporaneamente, altre in calendario, un Teatro Comunale che esce dalle proprie mura per aprirsi alla città, nuovi appuntamenti tra musica e cultura al nuovo parco Marco Coletta, al Grattacielo, riqualificato e inaugurato lo scorso 10 luglio. Ma il cartellone che fa di questa splendida città emiliana una meta imperdibile è lungo e riserva date da cerchiare sul calendario anche nelle prossime settimane. 
 
Ora sono i giorni della Notte Rosa, quest’anno in calendario fino a domani. 
Le iniziative messe in campo dal Comune di Ferrara per la settimana rosa sono state tre, oggi con un concerto all’alba in Certosa, alle 6.30. C’è stata anche l’apertura straordinaria serale di quattro musei (il museo della Cattedrale, la palazzina Marfisa d’Este, il Nuovo Museo Schifanoia, il Castello Estense), con visita guidata gratuita gestita da Visit Ferrara. Per le quattro visite ai musei è stato messo a disposizione il trasporto gratuito dai Lidi a Ferrara. Completano il quadro delle iniziative la scenografica illuminazione architetturale in rosa del Castello Estense e della fontana di piazza della Repubblica. 
 
Nello scenario riqualificato del parco Coletta le note risuoneranno in diverse occasioni, con la collaborazione del Jazz Club Ferrara. Oggi, 31 luglio in scena il pianista Kevin Hays. Ad agosto, invece, spazio al teatro per ragazzi, con spettacoli realizzati dall’associazione “Il Baule Volante” di Andrea Lugli: il primo agosto in programma “Il sogno di tartaruga”, il 7 “Rodarissimo”, il 21 agosto “I musicanti di Brema”. 
 
A proposito di agosto: l’ultima settimana confermatissimo il celeberrimo Ferrara Buskers Festival – il festival internazionale di artisti di strada più noto al mondo, giunto alla trentaquattresima edizione: dal 25 al 29 agosto nell’inedita cornice di Parco Massari, con anteprima a Comacchio il 24 agosto. 
 
E per tutto il mese, nell’area della Darsena, concerti dal vivo con “Un fiume di musica”, promosso dalla storica voce blues dell’Emilia-Romagna Roberto Formignani e dalla sua scuola di musica. 
E per settembre, il 3 e il 4, è atteso, tra gli altri, un nuovo evento, con decine di artisti e band: il Comfort Festival, con la regia di Claudio Trotta, produttore artistico di fama internazionale. Questa volta la location sarà il parco urbano “Giorgio Bassani”. Alcuni nomi già annunciati: Morgan, Bennato, Grignani, Matthew Lee, Joe Bastianich, Filo Graziani, Stefano Di Battista. 
 
Altra novità è già stata anticipata in vista di novembre. Questa volta al centro ci sarà il gusto e le tipicità. È infatti dedicato a materie prime, cibo e cucina tipica il Ferrara Food Festival, l’appuntamento – in programma dal 5 al 7 novembre – promosso dalla Strada dei Vini e dei sapori, con l’amministrazione comunale di Ferrara e il coinvolgimento dei Comuni, della Camera di Commercio e delle associazioni della provincia. Il ricco programma di quei giorni si articolerà tra disfide gastronomiche, show cooking, incontri culturali, degustazioni, eventi e laboratori per grandi e piccini dedicati a tutti i prodotti tipici di Ferrara. Aspettando di degustare i piatti della tradizione ferrarese nelle location cittadine, tantissime novità saranno annunciate. Qualche anticipazione: l’apertura della nuova ala Trecentesca di Palazzo Schifanoia, a settembre, e ancora: la mostra dedicata a Federico Fellini, al Padiglione di Arte Contemporanea. 
 
CASTELLO ESTENSE
 
Simbolo di Ferrara e cuore cittadino, il Castello è fulcro espositivo e concentra una particolare offerta artistica. Quella su Giovanni Boldini è dedicata al tema del ritratto femminile: “Boldini. Dal Disegno al dipinto. Attorno alla Contessa De Leusse”. L’esposizione è incentrata su un celebre dipinto dell’artista ferrarese realizzato quando risiedeva a Parigi e si affermò come ricercatissimo ritrattista mondano. All’interno di un’altra ala del Castello trova spazio “Giovanni Battista Crema. Oltre il Divisionismo”, monografica di un artista, ferrarese di nascita, che ha interpretato la modernità e le contraddizioni del ’900. 
 
Nel cortile e nella loggia, infine, è stata allestita la mostra, ad accesso libero, “Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori – Umanità” di Sara Bolzani e Nicola Zamboni. Un monumentale gruppo scultoreo ispirato alla Battaglia di San Romano di Paolo Uccello. L’opera, a grandezza naturale, in rame e terracotta, è una straordinaria allegoria della vita: accanto a cavalieri che combattono in sella a possenti destrieri si trovano attori dei nostri giorni, emarginati, migranti, profughi, “vite di scarto” che incarnano gli orrori della guerra e della quotidianità. 
 
LA CERTOSA 
 
La Certosa di Ferrara è il più grande e suggestivo museo a cielo aperto di Ferrara e uno tra i più importanti cimiteri monumentali nazionali: uno spazio unico che custodisce memorie del passato, capolavori d’arte sacra e tracce del rapporto tra città e collettività. 
 
Un itinerario, tre percorsi tematici. Per visitare la Certosa sono disponibili tre percorsi tematici che il regista Ivan Zuccon ha raccontato in quattro cortometraggi grazie ai quali è possibile immergersi in un universo parallelo denso di magia, in una sorta di viaggio virtuale attraverso il tempo (qui un esempio: https: //youtu. be/FK4Fp7fK7X0). ). Il Percorso Storie di Ferrara raccoglie sepolture di personalità che hanno contribuito a raccontare e sviluppare la città. Il secondo, Le Sette Arti, consente di ringraziare “di persona” poeti, architetti, pittori e registi cinematografici per le emozioni che hanno saputo regalare. Il terzo, La Sacra Bellezza, raccoglie sepolture preziose e altri elementi rilevanti di iconografia religiosa, per un viaggio alla ricerca del bello.
 
TEATRO
 
Il Teatro macina eventi da mesi, anche uscendo dalle proprie mura. A settembre si torna in scena tra Festival di danza contemporanea, collaborazioni con Interno Verde, spettacoli di Aterballetto nei chiostri di San Paolo. Così, dopo la notizia della nomina a presidente onorario del Maestro Magiera, la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara sta lavorando sulle tre stagioni di Danza, Lirica e Prosa che caratterizzano il teatro di tradizione, vero gioiello della città. Imperdibile la settimana dantesca a ottobre, oltre alle due produzioni in dicembre della stagione di Lirica: Maria de Buenos Aires di Piazzolla (18 e 19 dicembre) e Farnace di Vivaldi (30 e 31 dicembre). 
 
FERRARA MUSICA
 
Dopo il secondo forzato lockdown, Ferrara Musica ha ripreso la propria attività concertistica “regalandosi” per la prima volta una rassegna estiva a Casa Romei. Il pianista Giuseppe Albanese, virtuoso italiano della tastiera, nei giorni scorsi ha presentato un programma monografico dedicato a Franz Liszt e all’anniversario dantesco 2021 significativamente intitolato. “Après une lecture de Liszt” . 
 
Già a partire da settembre la prima parte della stagione 2021/2022 vedrà in cartellone cinque appuntamenti sinfonici di vaglia. Il primo concerto della rassegna sarà con l’European Union Youth Orchestra (EUYO) che, sabato 18 settembre, eseguirà il primo di due programmi dedicati ad Anton Dvorak, guidata da David Zinman con la violinista Laura Marzadori e il 22 settembre con Sascha Goetzel e la Sesta di Ciakovsky. Saranno preceduti da due iniziative che si annunciano di alto valore formativo: domenica 12 alle ore 16 con “Exploded orchestra” l’EUYO diretta da Peter Stark e il musicologo Fabio Sartorelli “smonteranno e rimonteranno l’orchestra”. Domenica 19 alla stessa ora si terrà “Altro che classica”, un percorso divulgativo curato dalla flautista Ambra Bianchi e Sascha Goetzel. Lunedì 20 settembre tornerà a Ferrara un mito assoluto, la pianista argentina Martha Argerich che con la Manchester Camerata diretta da Gábor Takács-Nagy eseguirà il Primo Concerto di Sostakovic. —