Insegnare era la sua passione a 94 anni addio alla maestra Lina

La maestra Everelina Sanromani, morta a 94 anni

Boretto,  ha educato generazioni di bambini dall’Appennino fino alla Bassa. I funerali di Sanromani si terranno la mattina di giovedì 9 luglio nella basilica di San Marco

BORETTO. Si svolgeranno questa mattina i funerali di Everelina Sanromani, per tutti Lina, maestra elementare 94enne che nella sua quarantennale carriera scolastica ha insegnato a diverse generazioni di scolari.
Classe 1927, la donna ha esercitato la professione in diverse scuole della provincia, iniziando a lavorare lontano da casa, sull’Appennino, per ben 8 anni, alcuni dei quali trascorsi senza stipendio – ma con l’obiettivo di guadagnare punteggio per le graduatorie – tra le scuole elementari di Pontone, Cigarello e Ramiseto.

Conclusa questa parentesi, l’avvicinamento a casa con le esperienze a Poviglio e in particolare a Fodico, dove ha trascorso ben 17 anni e ha intrecciato splendide relazioni nella comunità, che l’ha salutata, all’epoca, con una grande festa. Sposata nel 1951 con il marito Nando Bacchini (mancato diversi anni fa), è arrivata a insegnare per alcuni anni anche nella “sua” Santa Croce e a Boretto, dove ha avuto il piacere di condividere il lavoro insieme alla figlia Giuliana, anche lei maestra.

Persona stimata sia nell’ambiente scolastico che nella vita di tutti i giorni, ha amato molto la propria professione, dotata di una forte propensione all’aiuto verso gli altri. I funerale si terrano la mattina di giovedì 9 luglio alle 8.45 con partenza dall’abitazione in via Fratelli Cervi 23 a Santa Croce per la basilica di San Marco a Boretto. Al termine, la salma sarà tumulata nel cimitero locale. La donna lascia i figli Giuliana e Alfredo (medico del lavoro), il genero Paolo, la nuora Graziana, i nipoti Michele, Serena, Roberto e Daniele, la sorella Maria, i pronipoti e altri parenti. La famiglia non chiede fiori ma eventuali offerte alla chiesa di Santa Croce.