San Martino in Rio, morto Franco Pederzoli. Il volontariato in lutto

Il volontario Francesco Pederzoli

Infaticabile organizzatore delle Feste dell’Unità era sempre pronto a dare una mano. Sabato 3 luglio alle 9 i funerali partendo partendo la casa funeraria Rossi per il crematorio

SAN MARTINO IN RIO. Mondo del volontariato e Pd in lutto per la scomparsa di Franco Pederzoli, 76 anni. Sabato 3 luglio alle 9 i funerali partendo partendo la casa funeraria Rossi per il crematorio. Infaticabile organizzatore delle Feste dell’Unità con la moglie Rosanna, era sempre pronto ad accogliere nuove idee e dare consigli per la migliore riuscita delle iniziative. Era anche il tesoriere del Pd sammartinese, responsabile delle attrezzature e della Sala Arcobaleno, nella quale si è sempre adoperato affinché tutti la potessero utilizzare.

«Franco – si legge nella lettera di commiato del Pd – ci ha lasciati all’improvviso, senza darci il tempo di salutarlo, lasciando noi del Pd e la comunità di San Martino in Rio increduli. Per la nostra comunità ha significato molto. Da sempre attivo nel volontariato, sempre pronto “a fare qualcosa per gli altri”.Una lunga storia di militanza nel Pci a sostegno dei valori di giustizia sociale, emancipazione e cooperazione, portati poi all’interno del Pd di San Martino.

Nell’ultimo anno, a causa della pandemia, la Sala Arcobaleno è stata usata esclusivamente per la mensa scolastica; lui passava tutti i giorni a controllare che tutto fosse a posto, che non mancasse nulla e che tutto fosse in sicurezza. Se qualcosa era rotto, provvedeva a sistemare: un servizio alla comunità che ha dato alla mensa scolastica un valore aggiunto che solo “quelli che ci tengono” sanno dare».

Pederzoli è stato attivo per molti anni nell’Arci come presidente del centro sociale “La Terrazza”. Nell’Auser da 15 anni era autista per gli accompagnamenti sociosanitari e come organizzatore dei servizi. «Franco – conclude la nota del Pd – ci mancherà molto, e la sua assenza peserà molto nella nostra comunità e nel Pd. Era una persona speciale, di quelle ormai rare, sempre pronto a farsi carico dei temi e dei problemi della comunità». Lascia la moglie Rosanna con Lamberto e Lorella, la sorella Lorella, il cognato Vincenzo, le nipoti Elisa, Pino e Melissa e parenti tutti. Non fiori ma eventuali offerte all’Auser di San Martino in Rio.