Scontro tra tre auto, ferita una 26enne incinta al nono mese

Lo scontro al Bettolino

Novellara, la donna è stata ricoverata subito a Reggio. È successo al Bettolino per una mancata precedenza

NOVELLARA. Nello scontro tra tre auto avvenuto nel pomeriggio di mercoledì 16 giugno verso le 17 in località Bettolino ad avere la peggio è stata una donna 26enne in avanzato stato di gravidanza, il cui parto è previsto per la fine di questa settimana.La donna, di origine indiana e residente a Reggiolo, comprensibilmente molto spaventata per quanto accaduto, non ha mai perso conoscenza durante le operazioni di soccorso. Dopo essere stata estratta dal mezzo e stabilizzata dal personale sanitario, è stata ricoverata al Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Il marito è accorso sul posto ed è rimasto in contatto telefonico con i sanitari durante il trasporto in ospedale. Il personale medico lo ha rassicurato sullo stato di salute della moglie e del bambino di cui era percepibile il battito cardiaco.

Lo scontro è avvenuto nell’incrocio tra la Provinciale 5 (che collega Novellara a Reggiolo) e la Provinciale 45 che porta verso Fabbrico. A causare l’incidente sarebbe stata la conducente di una Toyota Yaris di colore argento che, arrivando da Reggiolo per svoltare verso Fabbrico, non si sarebbe accorta dell’arrivo, nell’altro senso di marcia, di una Volkswagen Polo nera alla cui guida c’era la donna incinta con a fianco la madre. Inevitabile lo scontro dopo la mancata precedenza che ha innescato una carambola in cui è rimasta coinvolta anche una Bmw bianca proveniente da Fabbrico, ma ferma all’incrocio. Illeso il conducente 31enne del mezzo.


Oltre alla donna in stato di gravidanza si sono registrati altri tre feriti lievi che viaggiavano sulla Yaris. Sono stati portati al pronto soccorso dell’ospedale di Guastalla. Sul posto, allertati dalla centrale operativa del 118, sono giunte tre ambulanze della Croce Rossa (da Reggiolo, Fabbrico e Novellara), l’auto medica da Guastalla, due mezzi dei vigili del fuoco da Guastalla per mettere in sicurezza i mezzi incidentati, e due pattuglie di polizia locale dell’Unione Bassa reggiana, che hanno coordinato il traffico in orario di punta, in quel momento molto intenso con lunghi incolonnamenti, e fatto i rilievi di legge.