Resta con le gambe sotto l’escavatore Ferito un 62enne

Soccorsi mobilitati ieri mattina a Garfagno per un infortunio In soccorso dell’uomo sono intervenuti anche due elicotteri

VILLA MINOZZO. È rimasto schiacciato con gli arti sotto un escavatore. Per l’uomo, un 62enne, D.F., sono stati momenti di grande paura ieri mattina a Garfagno.

L’uomo e la moglie hanno a Garfagno una seconda casa e qui si è verificato il grave infortunio.


Ieri mattina, a bordo dell’escavatore, il 62enne era intento a sollevare la botte di raccolta dell’acqua piovana che avrebbe poi utilizzato per annaffiare, quando, nel girare il mezzo, forse per il peso della botte, ha perso aderenza e si è sbilanciato ribaltandosi.

L’uomo è stato travolto dall’escavatore ma, per fortuna, è il caso di dire, solo con gli arti inferiori.

I soccorsi sono scattati immediati e massicci, anche considerando la cardiopatia da cui è affetto il 62enne. A Garfagno, oltre all’ambulanza della Croce Verde di Villa Minozzo e all’automedica, sono stati chiamati a intervenire l’elisoccorso, decollato da Parma, e i vigili del fuoco.

La presenza degli uomini del 115 è stata necessaria per procedere con la massima cautela alla liberazione degli arti del 62enne incastrati sotto al mezzo.

Per garantire un più rapido intervento i vigili del fuoco sono arrivati a bordo dell’elicottero del corpo Bravo da Bologna.

Così nei pendii adiacenti al luogo dell’infortunio sono stati due gli elicotteri ad atterrare. Il ferito è stato raggiunto rapidamente e liberato.

Una volta stabilizzate le sue condizioni è stato caricato sull’elisoccorso di Parma e con questo condotto all’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia.

Le sue condizioni hanno preoccupato molto i sanitari, vista la cardiopatia e il tipo di lesioni subite nell’infortunio. Tuttavia, per fortuna, al primo quadro allarmante se ne è rapidamente sostituito un altro. Lo schiacciamento sotto all’escavatore, infatti, ha provocato traumi importanti, ma limitati a un solo arto. In serata, dunque, è giunta la prognosi favorevole da parte dei medici dell’ospedale, in previsione di rapide dimissioni.

L’allarme a Garfagno era scattato poco dopo le 11 quando diversi mezzi dei soccorritori si sono precipitati sul posto. Molto delicate per i sanitari le manovre di soccorso. —

M.F.- L.T.

© RIPRODUZIONE RISERVATA