Contenuto riservato agli abbonati

Castellarano, morto schiacciato da un trattore: addio a Giovanni Matteotti

Il 67enne era a bordo del mezzo con un amico che è riuscito a saltare prima della tragedia e ha dato l’allarme

CASTELLARANO. Una lunga traccia nell’erba alta e poi il trattore ribaltato in un canalone. È stata questa la tragica fine di Giovanni Matteotti, 67 anni, del paese, rimasto schiacciato dal mezzo, che stava svolgendo alcuni lavori agricoli nel maneggio La Contea di Gavardo di Castellarano.

L’incidente mortale è avvenuto alle 15,30 di sabato pomeriggio e dai primi accertamenti pare che qualcosa nel mezzo meccanico non abbia funzionato in quanto il trattore ha preso velocità in discesa e questo succede di solito quando le marce ridotte non entrano in funzione.


Sarà l’inchiesta – sul posto il pm ha inviato il medico legale – e i controlli dei vigili del fuoco e dei carabinieri di Baiso e Cstellarano che erano sul posto a chiarire le dinamica esatta dell’ infortunio. Il luogo dove si è ribaltato il trattore sul quale viaggiava Giovanni Matteotti, assieme a un amico che è riuscito a saltare dal trattore appena in tempo dando poi l’allarme, è particolarmente impervio e sul posto dopo poco l’incidente è arrivata l’automabulanza dell’Ema di Casalgrande, i carabinieri di Baiso, una sqiadra del Soccorso alpino Monte Cusna, e i vigili del fuoco di Reggio Emilia.

Subito è stato allertato l’elisoccorso di Pavullo che è atterrato in uno spiazzo vicino ma però il suo intervento non è servito perché quando Giovanni è stato estratto dal trattatore a nulla sono servite tutte le manovre per la rianimazione.

Giovanni Matteotti, 67 anni il 26 giugno prossimo, abitva a Ca’ Prodi di San Valentino ed era molto conosciuto sulle colline di Castellarano perché era un grande appassionato di cavalli e della vita contadina.

Era un esperto guidatore di trattori ed aveva una piccola fattoria, sabato pomeriggio probabilmente era andato a svolgere alcuni lavori nel podere del maneggio la Contea e alcuni suoi amici sentit sul posto hanno affermato che un simile incidente sarebbe potuto accadere solamente per un guasto meccanico, comunque sia saranno le indagini a verificare l’esatta dinamica di questa disgrazia. —

Paolo Ruini

© RIPRODUZIONE RISERVATA