Al centro islamico di Pieve scoppia una rissa: 5 feriti

Sono stati portati all’ospedale di Guastalla: lievi ferite per tutti, per uno più serie. Le botte sono volate poco prima delle 21.30. Sul posto anche i carabinieri

GUASTALLA. Una rissa in pieno centro, con cinque feriti, a Pieve, ieri, ha movimentato la domenica sera. A terra, in particolare, è rimasto un uomo e subito è stato lanciato l’allarme al 118.

Con le ambulanze a l’automedica, all’incrocio tra via XXV aprile e via Cardinal Ferretti, sono arrivati, però, anche i carabinieri della stazione locale, allertati da diverse chiamate fatte al 112 dai residenti preoccupati per quanto stava accadendo in strada.


Non è la prima volta, raccontano, negli ultimi tempi, che al centro di cultura islamico di Pieve si registrano tensioni. Ieri sera, però, poco prima delle 21.30, la situazione è degenerata a causa di una discussione tra i soci del centro, soprattutto pakistani. Alcuni fedeli sono entrati con l’intento di pregare, ma dall’interno sono stati invitati ad andarsene, perché non graditi.

Di qui la discussione, che, in poco tempo, ha acceso gli animi al punto che sono cominciati a volare spintoni e il parapiglia si è acceso in un baleno.

A darsele di santa ragione sono state almeno cinque persone, forse di più. Di certo è che un uomo, alla fine, è finito a terra. Al 118 in un primo momento è pervenuta una richiesta di aiuto per malore.

Ma agli operatori sanitari arrivati sul posto, prima con un’ambulanza dal vicino ospedale e poi con l’automedica, alla quale nei minuti successivi si è unita un’altra ambulanza, è stato poi chiaro, con non poca fatica, il quadro dell’accaduto.

A bordo dei mezzi di soccorso alla fine sono stati caricati cinque uomini, di cui uno giudicato in condizioni di media gravità. Meno preoccupanti invece gli altri quattro. Tutti sono stati portati all’ospedale di Guastalla. Ora sull’accaduto indagano i carabinieri. —


© RIPRODUZIONE RISERVATA